22/11/15

Kraut Zone: una panoramica della scena e dei suoi protagonisti

Thom Yorke (Radiohead) lo considera il suo maggiore ispiratore, Bowie gli deve buona parte della sua migliore produzione. Sono totalmente in debito Punk e l'intera New Wave. Ed è strano come un tale genere musicale dalla profondità e dall'ampiezza così variegata sia stato racchiuso in una definizione e in un nome così unidimensionale. Il Krautrock...
Emerso dalle città tedesche dell' ovest come Monaco, Amburgo e Colonia durante il periodo d'oro post-psichedelico che andò dal 1969 al '75, una serie di gruppi, musicisti, artisti, collettivi crearono alcune delle più incredibili, ultraterrene e genuinamente sperimentali musiche degli ultimi 50 anni. La maggior parte del materiale è ormai pubblico, ma vista la vastissima produzione che si ebbe in quel lasso di tempo ci sono ancora una miriade di dischi e reperti che sono in attesa di essere scoperti e al minimo sussurro di pubblicazione di materiale inedito può indurre ad un febbrile sudore qualsiasi esigente aficionado del genere.

Nel corso degli anni, è diventato ben chiaro che il krautrock ha indirettamente influenzato quasi ogni forma di musica, che si tratti di rock, techno o addirittura il punk. E in questo periodo sembra essere ritornato in auge, attraverso una vera e propria rinascita, piuttosto che il solito bizzarro fascino retrò. Creatori di musica moderna imbevuta di inventiva e sostenuta da un approccio di libero pensiero, gruppi come Sunburned Hand Of The Man, Circle, Residual Echoes and Sunn O))) sono importanti portabandiera del movimento corrente. Come i predecessori, anche loro operano al di fuori dell 'industria musicale', resistono alla classificazione, incoraggiano la spontaneità, abbracciando una visione musicale più estesa e prosperando attraverso una rete do-it-yourself autoportante.
Presuntuoso e del tutto personale, data la vastità e la diversità, la scelta di alcuni dischi che secondo noi rappresentano il meglio del krautrock, poi rimandiamo al bellissimo lavoro di Julian Cope sulla musica tedesca, Krautrocksampler.

TANGERINE DREAM
Zeit
(Ohr, 1972)
Mentre gli americani e sovietici combattevano per portare il primo uomo sulla luna, anche il rock progressivo era impegnato nella corsa allo spazio. Proprio come le escursioni jazz cosmiche di Sun Ra, artisti del calibro di Pink Floyd con "Interstellar Overdrive" e di Hendrix con "3rd Stone Da The Sun" avevano generato il cosiddetto "space-rock". Ora, abbandonate punk rock e skateboard, propositi bellicosi come voler abbattere porte e immergetevi in sessioni di synth impazziti, chitarre e violoncello, con cui i TANGERINE DREAM le porte le spalancano.. Zeit è un LP incredibile
Il primo registrato con il trio Froese, Peter Baumann e Chris Franke, Zeit è un doppio album, al tempo stesso epico e meticoloso nella sua moderazione. La copertina è una delle più iconiche del Krautrock, la foto di un'eclisse solare - e il titolo, acronimo tedesco di 'Tempo', invece accenna a qualcosa di più intangibile. Froese, praticante di meditazione Zen, credeva che il tempo è un'illusione, creato dai sensi umani. A differenza del galoppante space-rock , Zeit inaugura un eternità cosmica, dove lo scorrere del tempo perde il suo significato.



EMBRYO
Rocksession
(Brain, 1972)
Uno dei gruppi kraut misconosciuti ma fondamentali. EMBRYO celebrano tutto ciò che entusiasta di questa musica. 'Rocksession' schizza verso l'alto, e non ha niente a che vedere con un confusionario space-rock. Il rock progressivo forniscela base, ma è il jazz-rock che dà sapore a questo potente e seducente albumche rivaleggiò con i più noti gruppi rock prog inglesi e statunitensi. Inizialmente la casa discografica rifiutò di pubblicare queste sessioni registrate tra il 1971 e il 1972, preferendo mettere sul mercato prima "Father, Son & Holy Ghosts". Il brano di apertura dell'album, ‘A Place To Go’, molto "orientally", ci persegue con sussurri psicotici e frustate di assoli fuzz. La resistenza è inutile.

GOMORRHA
Trauma
BASF/Comet, 1970
Eccellente e duro Krautrock, uscito nel 1971, un anno tra i migliori per la musica alternativa tedesca. Originariamente registrato nel 1969 col titolo Gomohrra, ma riregistrato un anno più tardi in inglese e pubblicato come 'Trauma', il leggendario produttore Conny Plank contribuì a trasformare il sound pseudo-psichedelico della band in un mostruoso heavy rock, disseminandolo di distorsioni Spacey e pause dissonanti. Il clou dell'album comunque è la title track di 13 minuti, che, dopo una breve introduzione vocale s'immerge in un lungo assolo di chitarra space rock. Il disco fu realizzato in condizioni piuttosto frenetiche: Conny e la band venivano avvisati quando lo studio di registrazione era libero, e questo accadeva soprattutto nel bel mezzo della notte. Senza dubbio, per goderne appieno, Trauma si dovrebbe ascoltare in cuffia.

NIAGARA
Niagara
(United Artists, 1971)
Forse è un peccato che un lavoro come questo sia relegato solo nell'ambito kraut, dato che in realtà si muove più su linee world music che su quelle fredde e sintetiche a cui viene associato il Krautrock tradizionale. Il gruppo, un collettivo di musicisti provenienti da diversi paesi attirò l'attenzione della United Artist e pubblicò, quasi autoprodotto, Niagara nel 1971. Il primo dei tre album il cui ruolo fondamentale fu un'orchestra concettuale guidata dal batterista austriaco Klaus Weiss, che portò proprio la batteria e le percussioni al centro delle composizioni della band: in pratica, il sogno di un batterista che diventa realtà. Ritmi africani e materiale sicuramente non commerciale.. adatto soprattutto agli amanti del tamburo.

CAN
Tago Mago
(United Artists, 1971)
Questa band leggendaria è in cima alle preferenze musicali non solo Kraut di INTERZONE. Chi ha ascoltato (e chi ascolta) Tago Mago o uno qualsiasi dei dischi dei Can non può non riconoscere la loro influenza su buona parte della musica rock a venire. Intenzionalmente o per difetto, ha lasciato un'impronta nel subconscio di una grande quantità di musicisti.. Tago Mago vede il gruppo davvero scatenato, con ogni sorta di visioni , dai flussi "Dreamscape" intensi e ipnotici di'Paperhouse', ai ritmi a cascate di 'Oh Yeah',al fragoroso proto-hip-hop di 'Halleluwah'. Il momento decisivo, però, è 'Aumgn', che incapsula space rock nella sua forma più pura e cerebrale. Tutta l'essenza dei Can è l'interazione, non la postura, con il principale obiettivo di fare dei 'Can' una cosa viva. "Tago Mago" è un album doppio e pietra angolare della produzione Can e di tutto il rock tedesco, imperdibile e impossibile da non possedere.




FAUST
So Far
(Polydor, 1972)
E 'difficile descrivere la musica degli anni '70 dei Krautrockers Faust: bisogna ascoltare per capire. Mentre l'omonimo debutto del 1971 suonava più come un collage di musica concreta con esplosioni occasionali di quello che potremmo definire approssimativamente musica "rock", il loro secondo lavoro, Faust So Far, registrato nella comune del gruppo nel villaggio rurale di Wümme nel 1972, ha un approccio più ritmico, accessibile e rockin, con tutti i suoi tamburi martellanti e selvaggi, le chitarre rumorose: So Far suona come la versione più heavy del successivo, e più noto Faust IV. Il secondo LP del gruppo era una dichiarazione coraggiosa, musicalmente e concettualmente. Ogni traccia ha una sua identità unica, ma è chiaramente sempre timbrata Faust. Come già detto però, bisogna ascoltare, perché questa musica è molto più della somma delle sue diverse e strane piccole parti.


Amon Duul II
Yeti
(Liberty, 1970)
Dalle ceneri degli Amon Duul, Amon Duul II avevano un sapore di rock sci/fi bizzarro, jam session psichedeliche, martellanti violinisti folk: musicisti psicopatici alla fine della generazione flower power degli anni '60 e inizi '70 .Inizialmente in risposta al freak-out dei Grateful Dead con il loro album Phallus Dei (Pene di Dio), pubblicato nel 1969, il secondo album Yeti è un album dalle dinamiche strane, più anti-hippie che mai.
Amon Duul II all'epoca erano una band di culto che aveva tra i suoi sostenitori gente come David Bowie e il critico di Rolling Stone in quegli anni Lester Bangs, che disse di loro:'Non c'è mai stato un gruppo come gli Amon Düül II prima, e non potrà mai esserci un altro gruppo capace di trasmutare così tanti suoni in seguito! Rilasciato sulla stessa etichetta e nello stesso anno di 'di Dracula Music Cabinet', questo disco dimostra come stavano le cose musicalmente in Germania verso la fine degli anni '60. Yeti, stoner krautrock capolavoro composto da 13 tracce, fu la risposta della Germania al genere Prog Rock e, naturalmente, l'inizio della Krautrock-era. Mettete le cuffie e preparatevi a sottomettervi a queste sentinelle spaziali pionieri del libero pensiero, privi di regole e di conformità e di tutte le altre cazzate che toglie la vera linfa alla musica.




VAMPIRES OF DARTMOORE
Dracula’s Music Cabinet
 (Metronome, 1969)
Mai ristampato in digitale, ma solo in vinile, è valutato sul mercato tra i 300 e 500 euro. Manufatto di meraviglia spettrale, produzione molto interessante di proto kraut, perfetto per una colonna sonora per la vostra festa di Halloween. Voci impazzite di sesso e il sadismo, riverberi di chitarre esotiche, elettronica insolita, basso ipnotico. Dracula’s Music Cabinet faceva parte di un'ondata di album a tema horror, pubblicati in Germania alla fine degli anni '60 e i primi anni '70, tutti apparentemente ispirati dallo stesso tipo di film horror che l'Europa stava producendo in quel momento.

ASH RA TEMPEL
Ash Ra Tempel
(Ohr, 1971)
Kosmische power-rock di dimensioni gigantesche .Klaus Schultze suona la batteria come un centinaio di batteristi. Non è due volte più potente, è cento volte più potente. Hartmut Enke, il leader spirituale del gruppo, colpisce il suo basso Gibson come solo un gigante potrebbe, e Manuel Göttsching suona la chitarra come ante white-noise di Keith Levene. Un'interazione così intuitiva e perfetta che spesso è impossibile sentire i singoli strumenti. Un mostro di disco, che contiene l' epico 'Amboss', un intero lato che costruisce lentamente onde sonore ghiacciate, e prosegue sù e giù come fossero Stooges cosmici..

SUNBIRDS
Sunbirds
(BASF, 1971)
Perfetto colonna sonora per lunghe escursioni in autostrada.. Caratterizzato da una line-up di all-star tra cui Klaus Weiss (Niagara, e un background solido e degno di nota di jazz, avendo suonato con artisti del calibro di Johnny Griffin, Kenny Drew, Bud Powell), Philip Catherine, Fritz Pauer e Ferdinand Povel, questo disco è energico, profondo, lunatico come la Mahavishnu Orchestra che incontra classici psichedelici. L'ala più jazzy del kraut.

NEU!
Die 2
(Brain, 1973)
Comunemente conosciuto come Neu 2, il secondo LP dei Neu! formati da ex membri dei Kraftwerk Klaus Dinger e Michael Rother. L'anno è il 1973, e di nuovo il dinamico duo si rintana in un studio con il solito Conrad "Connie" Plank (Can / Kraftwerk) a produrre e registrare il loro secondo lavoro: gli undici minuti di "Für Immer" sono martellanti, i suoi ritmi di marcia in rettilineo anticipano il punk, le chitarre ronzano come gli elicotteri sopra le nostre teste. Come Plank torce magnificamente le manopole, i tamburi sono meccanici, mentre le chitarre sono bandite sullo sfondo, solo per ritornare poi di nuovo con rinnovata forza. Il basso arranca avanti con aggressività imperterrita. Il disco procede estremo e lungimirante come uno tsunami, pieno di spunti brillanti che avrebbe macerato gli standard certificati delle produzioni di album 'pop'; un manifesto artistico progressista, e talmente innovativo da risultare stupefacente. Ascoltaetelo e provate a immaginare canzoni come queste riprodotte dal vivo nel 1973, quando il punk era ancora nella sua fase embrionale! 'Lila Engel' , è una marcia tribale dai contorni di un oscuro rituale pagano e potrebbe tranquillamente stare su Never Mind The Bollocks, mentre John Lydon ancora oggi ne elogia la grandezza ad ogni occasione. Il disco ottenne all'epoca, com'era prevedibile, un riscontro commerciale quasi nullo, fattore che avrebbe concorso tra gli altri alla prima, breve separazione della coppia che ne seguì. Ma come non citare Hallogallo' del 1972, con i suoi 10 minuti introduttivi a ritmo motorik, la precisione delle macchine, e 'Fur Immer', essenzialmente 'Hallogallo' parte due, un capolavoro e uno dei miei dischi preferiti di sempre, vero punk psichedelico con strati su strati di suoni e ritmi.. Inarrivabili..




COSMIC JOKERS
Gaclatic Supermarket
(Kosmische Musik, 1974)
Supergruppo berlinese, con Manuel Göttsching, Klaus Schulze (Tangerine Dream), Harald Grosskopf (Ash Ra Tempel) e Rosi Muller, alla loro seconda prova e non c'è da meravigliarsi della musica incredibile che crearono nella loro breve esistenza. Che non sia intenzionalmente destinato per il rilascio, anche in questo caso, solo due grandi tracce - la sempre mutevole "Kinder des Als" e la title track "Galactic Supermarket". Suoni da montagne russe sonore, ritmi groove funky cadono in uno spazio ambient profondo per poi di nuovo incalzare in altri ritmi galoppanti. Le donne presenti in studio aggiungono urla, sussurri, grida, e il testo parlato ha effetti pesanti,anche se ci sono lunghi passaggi strumentali: incredibili i toni dei synth di Schulze che a volte minacciano di soffocare il resto della band.

POPOL VUH
Nosferatu
(Egg, 1978
Creare le colonne sonore di molti grandi film di Werner Herzog non è un compito facile, ed è per questo che furono affidate ai Popol Vuh, che aggiunsero sempre una dimensione distintiva ai film di Herzog. E questo è particolarmente vero per Nosferatu, Phantom der Nacht (interpretato da Klaus Kinski nel ruolo del Conte Dracula, grottesco e più spettacolare che mai). In tutti i loro album troviamo epica, mistero, malinconia e immensa bellezza. Questo è l'undicesimo album diquesta band straordinaria, colonna sonora originale di Nosferatu:La suite di Nosferatu dei Popol Vuh si evolve maestosa trascinando la mente verso le spettrali foreste dei Carpazi. Nell'album poi figurano anche altri brani, di cui almeno uno già parte del repertorio dei Popol Vuh, composizioni molto gradevoli e incisive, che però risultano meno calzanti nel contesto della colonna sonora. Detto questo, tiene nell' insieme, rimane un album coerente a sé stante e comprende materiale memorabile e eccezionalmente forte.


HARMONIA
De Luxe
(Brain, 1975)
Michael Rother dei Neu! e il duo Cluster Hans-Joachim Roedelius e Dieter Moebius, con l'aggiunta del batterista Mani Neumeier su alcune tracce. Un supergruppo quindi che ha influenzato rock e elettronica al tempo stesso. De Luxe è il secondo album degli Harmonia, oscurato dal primo "Musik Von Harmonia", ma noi lo preferiamo al primo. Registrato nel giugno del 1975 e prodotto dai membri stessi della band e (di nuovo) con il leggendario produttore Krautrock, Conny Plank. Più .. dolce, con sequenze melodiche magnifiche e paesggi più complessi e ritmati. Come molti altri dischi kraut, anche questo troppo in anticipo sui tempi, troppo visionario, e non fu apprezzato allora. Nel 1975 effettivamente era decisamente troppo presto per "De-Luxe" e per il suo sound trance, veloce ed ipnotico. Soltanto cinque magnifiche misere tracce..


CLUSTER
Zuckerzeit
Brain, 1974
Zuckerzeit è il terzo album in studio del gruppo musicale tedesco Cluster, prodotto da Michael Rother con Hans-Joachim Roedelius e Dieter Moebius. Zuckerzeit distingue lo stile da ogni altra pubblicazione del duo,che rendono un pò più morbida e organica la musica kraut, e presentando insieme a una forte componente ritmica, una maggiore definizione delle melodie e, a volte, dello stile Motorik dei Neu!, proprio grazie alla presenza di Rother alla produzione. Un salto inaspettato dagli ingorghi Kosmische che i Cluster fanno in un territorio inesplorato che ha segnato la loro direzione per gli anni a venire. Zuckerzeit presenta una visione di pop elettronico, fondendo il senso melodico del duo con graffianti programmi di drummachine. Stranamente, le dieci tracce brevi hanno crediti nella composizione separati (cinque ciascuno), un ipotesi che vede Roedelius gestire le linee dei sintetizzatori più suggestivi ("Hollywood", "Rosa"), mentre Moebius spinge il gruppo in terra sperimentale ("Rote Riki," "Caramba "). E 'senza dubbio uno dei dischi più caratteristici della discografia dei Cluster, anche se la semplice mancanza di materiale space rock ne fa un album difficile ma da raccomandare fin dall'inizio.