09/03/14

All you can feel (Tutto quello che puoi sentire).

Caffeina
Dall’Lsd all’ecstasy, ecco come gli schizzi delle sostanze psicoattive possono trasformarsi in opere d’arte.
Una sequenza di scatti artistici che ritraggono le droghe sintetiche estremamente da vicino, intitolata All you can feel  (Tutto quello che puoi sentire).
Realizzata dalla fotografa tedesca Sarah Schoenfeld, la serie si ispira alle esperienze di vita trascorse nei night club di Berlino, dove l’artista ha lavorato per anni a contatto con gli effetti di queste sostanze attive sulle persone. Per decidere poi di riprodurli schizzando queste molecole sulla pellicola in fase di sviluppo e poi ingigantendo le immagini. Il senso è evocare, attraverso colori sgargianti e forme contorte, gli effetti di ciascuna droga sul cervello.

All you can feel  (Tutto quello che puoi sentire).

Dal 1950 , cerchiamo sempre più di capire i nostri desideri più intimi e le nostre esperienze. Siamo in grado di spiegare umori , rabbie e le malattie sia fisiologiche che psicologiche, attraverso un equilibrio/squilibrio di sostanze nel corpo . Tutto questo , naturalmente ,  si svolge sullo sfondo di un clima giuridico e politico in costante mutamento per quanto riguarda la regolamentazione dei diversi tipi di droghe che alterano l'umore. Quando però, la loro essenza è rappresentata visivamente, queste sembrano essere molto simili.

Sarah Schönfeld ha "schizzato" gocce di varie miscele di farmaci liquidi legali e illegali su pellicola negativa. Poi ha ingrandito questi negativi, compresa la reazione chimica del farmaco particolare , fino a una dimensioni di 160 x 200cm . Tutte le sostanze si sono comportate in modo molto diverso : le forme e i colori che apparivano mostravano caratteristiche uniche e hanno rivelato universi interni unici. Schönfeld esplora le possibilità della fotografia fino alla frontiera di quello che può essere ritratto..


Oppio



Eroina


Cocaina


L.S.D.


Speed


Ecstasy


Ketamina


Mdma


Crystal Meth


Speed & mefedrone


Valium

WIRED