08/03/14

Bukowski: Amo Mickey Rourke

Charles Bukowski inedito

Prima dell’uscita del film “Barfly” nel 1987, Charles Bukowski scrisse “la lettera di un fan” a sostegno alla produzione del film. Bukowski parla del processo di lavorazione del film sotto la direzione di Barbet Shroeder e chiarisce la propria ammirazione per Mickey Rourke, l’attore maledetto che ha interpretato il suo alter-ego, Henry Chinaski, e ricorda una visita al set di Roger Ebert, durante la quale il critico avrebbe detto: “Non mi sono mai divertito così tanto.” 
N. M.

Devo dire che per quanto riguarda la realizzazione di BARFLY, ho avuto una certa fortuna. Innanzitutto, il regista, Barbet Shroeder, ha insistito che il mio contratto contenesse una clausola che nessuna parte di BARFLY, così come l’avevo scritta, potesse essere cambiata senza il mio permesso. E questo è stato rispettato fedelmente. Quando non ero sul set, sono stato contattato telefonicamente per dare il mio ok anche al più piccolo dei cambiamenti. Il più delle volte si è trattato solo di una parola qua e là nel dialogo. Ho accettato la maggior parte di questi piccoli cambiamenti, e quando non l’ho fatto, le cose sono state lasciate come ho voluto. Se questo non è il paradiso per uno scrittore, allora non ce ne sarà mai uno.

L’altra parte della mia fortuna è stato l’attore che interpretava Henry Chinaski. Mickey Rourke ha dato al dialogo la voce e il suono desiderato. Quello mi ha sorpreso è che ha aggiunto un’altra dimensione al personaggio, nello spirito. Mickey sembra amare veramente la propria parte, ma senza esagerare. Vi ha aggiunto il suo sapore, il suo entusiasmo, la sua follia, la sua interpretazione di Henry Chinaski, senza distruggere l’intento o il significato del personaggio. Perché aggiungere spirito a spirito può essere pericoloso, ma non nelle mani di un attore dannatamente bravo. Senza distorcere, ha aggiunto, e sono rimasto molto soddisfatto dell’amore e della sensibilità che ha saputo dare al proprio ruolo in BARFLY. Inoltre, tutto il cast e la troupe mi sono sembrati assai allegri, assai su di morale per tutta la ripresa. Lo si poteva avvertire in ogni momento. Più di uno spettatore ha parlato con me di questa fosse gioiosità che sembrava esserci durante le riprese. Roger Ebert è venuto un venerdì sera, durante una ripresa. È rimasto molte ore. Abbiamo guardato le riprese, parlando tra una ripresa e l’altra. “Non mi sono mai divertito così tanto,” mi ha detto. Era nell’aria, era ovunque e la gioia e la magia di tutto ciò è stata catturata, mi sono accorto, anche dal film stesso.
BARFLY, ti amo.
Charles Bukowski 

Satisfiction


Barfly