25/09/15

Jello Biafra sindaco: se non lo votate, mi uccido!

Jello Biafra è uno dei nostri eroi, sia chiaro. Lo è sempre stato, lui e i suoi Dead Kennedys, band punk hardcore al fulmicotone di S. Francisco, California, che ha avuto il suo apice di successo tra la fine dei '70 e la metà degli '80. In seguito, dopo lo scioglimento e varie dispute legali, Jello ha continuato per conto proprio, formando e partecipando a svariati progetti e sempre impegnato politicamente e socialmente; mentre il resto della band è ancora in circolazione con il repertorio dei Dead Kennedys.
L'ex sardonico front-man dei Dead Kennedys, non si è mai risparmiato: i suoi testi comunicano in maniera follemente ironica un bruciante sdegno politico attraverso i riff velenosi sparati alla velocità della luce: che si tratti di un assassino seriale (come nella canzone "I Kill Children "), trasformandosi in un consulente militare (come nella canzone" Kill the Poor ") o ancora come candidato alle elezioni politiche, (come nel fallito tentativo nel 1979 per il sindaco di San Francisco), l'intera scena indie americana (dai Black Flag ai Nirvana) affonda quì le sue radici.
In quello che avrebbe potuto essere parte di uno scherzo senza eguali, una trovata pubblicitaria, e il desiderio reale di forzare il cambiamento sociale, Biafra gettò il suo guanto di sfida sul ring, partecipando alle elezioni per la poltrona di sindaco della città di S. Francisco nel 1979, correndo tra gli altri, contro Dianne Feinstein, Quentin Copp, e David Scott . 
La sua campagna elettorale fu in piena filosofia punk e di natura anarchica: una campagna do-it-yourself, con il personale che componeva lo staff per la campagna tutti volontari. Dirk Dirksen, Brad Lapin, Ginger Coyote, Mickey Creep, Joe Target Rees, Klaus Flouride e molti altri si riunirono ai Target Studios e tracciare la strategia. Gli eventi reali organizzati per la campagna furono pochi, ma tutti ottennero un sacco di attenzione da parte dei media. In una manifestazione al City Hall, Kathy "Chi Chi" Penick, nuova manager dei Dead Kennedys ", portava un cartello che diceva:" Se non lo farete vincere, mi uccido ". Altri slogan ispiratori furono " Apocalypse Now "e" Che cosa succede se vince? ". Jello guidò il corteo, baciando mani e scuotendo i bambini!

"C'è sempre spazio per Jello," fu invece la frase che usarono per la scheda elettorale. Chiunque può concorrere alla carica di sindaco raccogliendo una petizione firmata da 1500 persone, o se vengono raccolti $ 1.500. Biafra raccolse $ 900 e ottenne abbastanza firme per candidarsi: il suo programma sarebbero stato pubblicato in opuscoli elettorali e avrebbe ricevuto pari copertura mediatica con gli altri candidati.
E 'notevole come il giovane Biafra appare in alcuni di questi notiziari, mentre allo stesso tempo si fa beffa completamente del processo politico.Particolare attenzione si deve alla piattaforma programmatica, che era del tutto sconclusionata, ma probabilmente in sintonia con molti elettori di San Francisco di quel periodo. (siamo nel 1979)

Alla fine Jello finì con un incredibile quarto posto su dieci candidati, ricevendo il 3,79% dei voti (6.591 voti). La sua partecipazione alle elezioni causò il ballottaggio tra Dianne Feinstein e Quentin Kopp che portò in seguito all'elezione di Feinstein. Quand'è che avremo un candidato come Jello anche quì in Italia?