20/01/17

Trip Hop: un intruglio che diventa il sogno di una nuova utopia sonora

Piaccia o no, il Trip-Hop è un movimento, una corrente, uno stile . Un termine che fu coniato nel giugno del 1994 da Andy Pemberton, in una articolo per Mixmag, e utilizzato per descrivere il cambiamento stilistico dell'etichetta Mo' Wax. Pemberton annunciò il trip-hop come un intruglio di psichedelia fuso nell' hip-hop, e il tentativo di contrastare il predominio musicale americano, rappresentato allora dall'ondata straripante del grunge.

Il DNA di trip-hop è più complesso rispetto alla sua riduzione a sigle. L' hip-hop, che aveva nutrito la fantasia musicale di una nuova generazione per oltre un decennio, si mescola alla cultura rave, che aveva fornito ulteriori possibilità stilistiche con la sua fusione di drum macchine, break, campionamenti e sintetizzatori. Sound system, digging, dub, chill-out room, la globalizzazione e la tecnologia presto hanno anche agito, connettendosi come tante molecole a una nuova idea di ciò che hip-hop poteva essere. Trip-hop è stato la logica evoluzione in un decennio, durante il quale tutti erano tornati da un immenso party per affrontare la realtà che l'hip-hop e la dance venivano cooptati dal mainstream. E' stato il sogno di una nuova utopia sonora, schiacciata dall'assalto implacabile del capitalismo. Proprio come la techno era diventato sinonimo di musica dance, il trip-hop divenne presto una stampella per i giornalisti ed esperti di marketing che volevano indicare l'hip-hop senza i rapper. In particolare, è diventato sinonimo del sound di Bristol, con band come Massive Attack e Portishead. Nel 1998, il New York Times sancì che il primo album dei Massive Attack Blue Lines fosse il punto di inizio del genere. Il sound genuino di una nuova generazione di musicisti che cercavano la libertà di sperimentare. E 'stata (ed è..) la musica per persone che consideravano l'hip hop, ( non il rap old school) troppo pericoloso per le proprie corde. Abbiamo preso a prestito e a spunto dalla classifica stilata da FACT MAGAZINE, dei migliori 50 best Trip-Hop Album, per esprimere la nostra opinione, a volte coincidente, altre ampliata e corretta rispetto al magazine: come si noterà, la nostra è sbilanciata a favore della contaminazione, soprattutto del dub e del Sound System britannico, il Trip Hop essenziale dei Massive Attack, Kruder & Dorfmeister, Smith & Mighty Dub Crooklyn...


Tricky
Maxinquaye
(Island, 1995)
Il numero uno, davvero. Tricky ha dato al suo primo album da solista il nome di sua madre, Maxine Quaye, il che dovrebbe già indicare quanto personale sia questo disco. Dopo aver affinato le sue abilità come membro di Massive Attack (alcune delle sue rime da Blue Lines sono state riprese qui), il suo materiale da solista è alla portata, se non superiore, dei suoi ex collaboratori. Tricky con le sue rime rauche, i suoni contorti e originali di questo album ha sdoganato il termine strano applicato alla musica elettronica, tanto che in quegli anni divenne "di moda". Martina Topley-Bird, sua compagna all'epoca, contribuisce non poco alla realizzazione del progetto.Tricky odiava essere etichettato come trip-hop ( "Questo non è un album scritto a tavolino. Non credo che si possa ascoltare a cena...perché non lo chiamano Tricky-hop?") , non ha avuto con la stampa un buon rapporto da allora, ma non ci può essere alcun argomento che, nel bene o nel male, possa negare che Maxinquaye abbia lasciato un segno indelebile nella musica britannica, elettronica e non. Il tempo non ha offuscato l'impatto di questo disco straordinario. Tricky ci porta attraverso i meandri della sua psiche, come ruminazione filosofiche che però sfociano in attacchi di verità e in brutali auto-esami ( "Bevo finchè non sarò ubriaco e fumo fino a perdere i sensi.. "), e mentre Tricky e Martina slittano intorno alle questioni di identità e di percezione, la musica è tutta un tappeto, con continui cambiamenti di umore. E 'un disco di sussurri, un flusso sonoro di coscienza e questa complessità ripaga a pieno un piccola sensazione di già sentito in alcune canzoni


Massive Attack
Blue Lines
(Island, 1991)
In una recensione del 1998 del New York Times, Blue Lines viene eletto come il modello fondamentale per il trip-hop. E Blue Lines merita quest'attribuzione grazie ad un mix di idee: l'innamoramento dei musicisti inglesi per il sound system; il congedo dalla stagione Summer of Love, del 1989; e il dominio del nascente hip-hop estetico e rapace. Blue Line era tutte queste cose e altro ancora. Nel 2009, Daddy G: "Quello che abbiamo cercato di fare è stato creare musica dance per la mente, piuttosto che per i piedi." Una dichiarazione di intenti per l'intero movimento, se mai ce ne stata una. . Quando Del Najas, Grant "Daddy G" Marshall, e Andrew "Mushroom" Vowles stavano registrando Blu Lines, il sottogenere chiamato trip-hop non era stato ancora inventato. Ma Blu Lines in fondo è un disco di hip-hop, con venature di soul, dub, musica dance e rock psichedelico. Blue Lines è come leggere un vecchio romanzo di William Gibson, che descriveva allora il prossimo futuro, che ora, (soprattutto ascoltando il re-master dell'album) è il presente, con una precisione inquietante. Non meno importante, secondo noi, Mezzanine: i Massive Attack aggiornano e ampliano ulteriormente il sound di band post-punk come PiL , e in qualche modo aggiungono una lamina di violenza e di freddezza al loro sound dub-soul della, mescolando le pesanti linee di basso e le voci dub alle chitarre post-punk e ai sintetizzatori.

 

Kruder & Dorfmeister
DJ Kicks: Kruder & Dorfmeister
(! K7, 1996)
Sono stati i pionieri dello slow-beat e i principali protagonisti della scena downbeat di Vienna e sono tra i produttori più caldi dell'universo dance. Nonostante questo, il duo austriaco Kruder & Dorfmeister non ha mai pubblicato un album, ma grandi nomi come Count Basie, Bomb The Bass, Alex Reece o United Future Organization hanno avuto alcune delle loro tracce remixate da questi produttori eccezionali. Grazie a queste produzioni e il loro EP di debutto, G-Stoned, che sono arrivati alla fama. Il loro contributo alla serie DJ Kicks del 1996 ha catturato i solchi smussati dell'chill-out e i grooves della jungle, un approccio che avrebbero perfezionare due anni più tardi con The K & D Sessions. Le loro produzioni su Ninja Tune, SSR e Wall Of Sound sono considerati pietre miliari per quanto riguarda il genere trip-hop, e alla domanda su quali fossero le influenze che hanno caratterizzato i loro remix e loro radici musicali  citano artisti come Miles Davis, Sly Stone, Brian Eno, Serge Gainsbourg o Bill Laswell. La loro miscela mozzafiato di trip-hop, dub, ambient e drum'n'bass li colloca tra i nostri preferiti, in assoluto.
 
 
DJ Krush & Toshinori Kondo
Ki Oku
(Apollo, 1996)
Esplode la collisione del jazz d'avanguardia e il trip-hop. Doveva succedere. Musicisti e DJ sperimentali di tutto il mondo erano a caccia per aprire una comunicazione con i produttori più giovani, e il trip-hop (così come il drum & bass) è stato un crash-pad evidente, considerando tutti i campionamenti che i vari generi hanno dovuto subire. Ki Oku è uno dei migliori esempi di questa collisione, nonostante il trombettista Toshinori Kondo (chi si ricorda il lavoro di Kondo con avanguardisti spinosi come John Zorn, Derek Bailey, Fred Frith), ci regala una performance sorprendentemente semplice in tutte le sue variazioni. Ma funziona, il disco è in realtà molto misurato e incredibilmente ascoltabile, uno di quegli album che rivela più di se con ascolti ripetuti: potrebbe sembrare troppo facile in un primo momento..


Dub Crooklyn Consortium
Certified Dope Vol.1
(Wordsound, 1995)
L'etichetta Wordsound di Skíz Fernando Jr. è stata per molti versi la risposta di New York alla Mo 'Wax, una casa per quello che il suo fondatore coniò il termine dub-hop: una musica che fonde il BAP (dusty boom bap, hip hop old school miscellato con dance e soul samples ) che governò la città a suo tempo, con una miscela di misticismo del dub giamaicano. Certified Dope Vol.1 fu il tentativo di Fernando di catalogare la musica di artisti che popolavano i quartieri Greenpoint e Williamsburg nei primi anni '90, tra cui artisti del calibro di We ™, Dr. Israel e Bill Laswell. Oscillante come un pendolo tra full-on dub e Head-Nod strumentali, la compilation è stata una delle prime a mettere in evidenza il parallelismo tra l'estetica del campionamento dell' hip-hop americano e il dub della Giamaica.


Nightmares on Wax
Smokers Delight
(Warp, 1995)
Questo lavoro dei Nightmares On Wax cattura bene il nesso di stili che incorpora il trip-hop di questo periodo. Secondo album della band britannica, ha in sé tutte le influenze che hanno definito alla fine del 1980 l'esplosione della cultura rave, pieno di electro, hip-hop, down-tempo, soul, funk, e percussioni latine. Smokers Delight riconfigura la Summer of Love britannica pur rimanendo altrettanto adatto al chill-out o alle session al tramonto di Ibiza.


DJ Krush
Meiso
(Mo 'Wax / Sony, 1995)
Scegliere un solo album di DJ Krush è un po 'come chiedere a una coppia di genitori di scegliere il loro bambino preferito. Un perfezionista che ha infuso la cultura americana con la meticolosità della propria, il produttore giapponese è stato la risposta dell'Oriente a DJ Shadow, e insieme sarebbero poi diventati gli artisti di punta della Mo 'Wax. Su Meiso ha scavato i campionamenti e i loop con la stessa precisione, sensibilità e attenzione ai dettagli degni del miglior calligrafo (o ukiyo) . Dell’Hip-Hop Meiso conserva la forma, la composizione, lo spirito, ma le preziose collaborazioni di CL Smooth,Malik B e Guru proietta il disco in una dimensione imprevedibile e caotica: l'estetica strumentale che del trip-hop con alcuni momenti di rap molto fini. In definitiva,cerebrale, ossessivo, cupo, non di facile digeribilità.


Various Artists
Funkjazztical Tricknology
(Ninja Tune, 1995)
Rilasciato nel 1995, la prima compilation Ninja Tune è arrivata tra i due volumi Headz della Mo 'Wax, fornendo un perfetto contrappunto che ha mostrato come fossero simili ma allo stesso tempo diverse le case di produzione di Londra in quel momento. Centrato in gran parte sui primi artisti Ninja quali 9 Lazy 9, The Herbaliser, Coldcut e DJ Food, vanta anche del contributo downbeat degli austriaci Kruder & Dorfmeister e Attica Blues, appena entrato in Mo 'Wax. Come per il primo volume Headz, Funkjazztical Tricknology ha anche segnato l'inizio di un cambiamento per l'etichetta, che con le sue uscite è diventata essenziale non solo per la musica e la produzione, ma anche per la progettazione, design, e il packaging.

Smith & Mighty
Retrospective
(Studio !K7, 1995)
Non si può discutere di trip hop senza menzionare Bristol, e non si può parlare della scena di Bristol senza parlare di Smith & Mighty. Rob Smith e Ray Mighty furono i primi a dare linfa all' import dell' hip-hop in città durante i primi anni '80, con la loro Three Stripes Sound System, che mescolava soul, dub, funk e che contribuì a catalizzare il "Bristol Sound."
Senza di loro, Portishead, Ronnie Size, Tricky e Massive Attack semplicemente non avrebbero proseguito con il sound che li ha resi poi così popolari. A causa di una forte controversia con la loro etichetta, il loro materiale subì un forte ostracismo e venne pubblicato solo molto dopo la sua realizzazione. Retrospective è una retrospettiva appunto, un greatest-hits, contiene b-sides e rarità e illustra la sperimentazione, il tentativo di riassumere il punto di incontro tra la cultura rave del Regno Unito e il dub giamaicano. Non è sempre successo, ma non si può ignorare questo capitolo, importante nella storia della musica britannica
 


DJ Shadow
Endtroducing
(Mo 'Wax, 1996)
Il primo album di DJ Shadow per la Mo 'Wax ed è il tipico esordio che colloca la barra così in alto, nella padronanza di un nuovo vocabolario musicale, che anche il suo creatore non può sperare di superare. Vivrà per sempre sotto il peso di questo esordio. Endtroducing è la lingua franca del trip-hop, un album realizzato da un fanatico dell'hip-hop al di fuori da ogni diretta sfera di influenza. Come quasi tutti i lavori in questa playlist, definire Endtroducing come trip-hop significa limitarlo, e negare tutta la comprensione che ha dovuto infondere al pubblico sulle potenzialità dell' hip-hop come musica strumentale. La maggior parte del vinile usato per costruire Endtroducing sono decine di migliaia di vecchi album, classici del funk ormai dimenticati e colonne sonore di vecchi b-movie horror, oltre ad musicisti contemporanei come Björk (Possibly Maybe viene utilizzato su Mutual Slump), Metallica (Orion, su Number Song) e il risultato è incredibile, il campionamento non solo abbellisce gli originali ma fornisce solide basi, fronzoli fantastici, e integrazioni orbitanti. Che dire, un debutto fenomenale..


Various Artists
Headz 2
(Mo 'Wax, 1996)
Proprio come il primo Headz segnò l'ascesa della Mo 'Wax, la seconda compilation incorona i suoi successi e sancisce i suoi artisti più noti in una vasta collezione di 53 tracce. Mentre il primo volume può suonare un po 'datato, Headz 2 è invecchiato molto bene, in parte grazie alla sua ampia rappresentazione di ciò che il trip-hop dovrebbe essere e l'origine del sound. Ciò significa ascoltare la musica dai Beastie Boys, UNKLE, Money Mark, The Black Dog, Dillinja, DJ Shadow, Breaks Danny, e Urban Tribe tra i tanti. Headz 2 è anche testimonianza impeccabile abilità di James Lavelle, e il suo talento nel dare un senso agli anni '90.


Meat Beat Manifesto
Sandwich Subliminal
(Interscope, 1996)
Sandwich Subliminal è il quarto album del Meat Beat Manifesto e il loro primo su una major tramite la Nothing Records, una sussidiaria della Interscope diretta da Trent Reznor , che aveva lo scopo di capitalizzare il successo dei Nine Inch Nails. L'album si è rivelò un flop commerciale e di critica, anche se rimane una operazione interessante, disegnare collegamenti tra trip-hop, dub, ambient industriale e con un tocco di psichedelia. Tutto attraverso due CD, con la prima metà che è di maggior interesse, soprattutto nelle composizioni ambientali. I 18 brani totali attingono pesantemente ai campionamenti e alle pause in combinazione con linee di basso pulsanti, voci fortemente campionate e un finale grintoso, che nel sua complessità lo fa sembrare il figlio bastardo della Mo 'Wax e della Axiom Records di Bill Laswell .

The Bug
Tapping the Conversation
(Wordsound, 1997)
Un disco che probabilmente potrà sollevare qualche perplessità per la sua inclusione nel trip hop, l'album di debutto dei Bug, ovvero Sir Kevin Martin (Techno Animal, DIO, Ice) e DJ Vadim (Ninjatune hotshot) che hanno lavorato in Svizzera per produrre quello che comunque rappresenta il concetto più ampio di ciò che trip-hop potrebbe, e dovrebbe essere. Pubblicato su Wordsound,  Tapping The Conversation  rende omaggio al thriller di Francis Ford Coppola del 1974,   "La Conversazione", con Gene Hackman.
 <<"I temi cospiratori contenuti nel film sono così rilevanti oggi come lo erano ventitré anni fa." >>
Anche se non avete visto il film, preparatevi per un viaggio paranoico dietro le porte chiuse del subconscio. Beat sotterranei, linee di basso che si snodano attraverso una valle di chitarre frastagliate, sax distorti ed effetti dub, creano tutta la tensione, l'ansia, e la suspense che un thriller dovrebbe fornire. E' cinema sonoro che apre la mente e stimola  frequenze subliminali.
DJ Vadim fornisce i campionamenti di batteria;  la miscela di hip-hop, dub ( dub-hop) e le influenze industriali hanno continuato a caratterizzare il lavoro dei Bug, ma Tapping the Conversation mostra il lato più oscuro del trip-hop.

 
Nearly God
Nearly God
(Island, 1996)
Descritto da Tricky come "una collezione di demo, brillanti e incompleti," Nearly God è un luminoso, spesso dimenticato, promemoria di come fosse senza eguali Tricky nel 1990.
Il titolo deriva da un'intervista durante la quale Tricky affermò:
« So how does it feel to be God... well, nearly God. »
« Proprio come ci si sente ad essere Dio ... insomma, quasi Dio. »
L'album funge da tappabuchi tra Maxinquaye e l'altrettanto brillante Pre-Millenium Tension. Si distingue semplicemente dalla portata delle collaborazioni - Martina Topley-Bird, Alison Moyet, Björk, Siouxsie and the Banshees e Terry Hall. Un documento esemplare e coerente di un momento particolare nella musica britannica. Lento e metodico, ma ritmato e vigoroso al contempo, leggero e molto accessibile in alcune parti, e decisamente inquietante per il resto.


Goldfrapp
Felt Mountain
(Mute Records, 2000)
 Marlena Dietrich a Siouxsie Sioux a Bjork.. 1960's, pop, cabaret, folk, elettronica.  Alison Goldfrapp (e Will Gregory) con Felt Mountain  costruisce un album che è allo stesso tempo viscido e seducente, elegante e grazioso. Le parti vocali sussurrate, il pianto dei sintetizzatori analogici, tutto evoca forti immagini di cose passate. Un ibrido di suoni che offre tante cose diverse, con un attenzione al dettaglio  notevole. Ancora, l'album riesce a non sembrare datato, resta fresco, un viaggio nell'elettronica più sperimentale con la voce sempre coinvolgente di Goldfrapp. Raffinato è l'omaggio ad un gigante delle colonne sonore, Ennio Morricone. Il trip hop come l'elettronica può essere freddo e distante, ma Felt mountain è caldo, sensuale e accogliente, troppo, perché la musica successiva di Alison non raggiungerà mai una vetta così alta. L'ultimo grande album della tarda era del trip hop.



Portishead
Dummy (Go! Beat, 1994)
L'abbiamo tenuto per ultimo, perché è presente in tutte le classifiche, gli elenchi e le playlist del Trip Hop, degli anni '90 e in quelle sperimentali. Anche se i Massive Attack hanno inventato il genere, i Portishead di Geoff Barrow hanno spinto il sound in territori ancora inesplorati. Il debutto del 1994 fu messo in cantiere con il do-it-yourself, lo stesso approccio melting pot che ha caratterizzato gran parte della produzione musicale di Bristol in quegli anni. Dai Massive Attack a Smith & Mighty , tutti i grandi successi della città in quel decennio erano frutto della fusione tra l'estetica e un irriverenza di fondo per le regole. Il risultato fu una musica impossibile e irresistibile. Come Maxinquaye di Tricky, Dummy suona ipnotico e coinvolgente come allora, hip-hop grintoso e canzone d'autore tradizionale, ma Beth Gibbons, Geoff Barrow e Adrian Utley hanno confezionato un cross-over per gli appassionati di ogni genere, un pilastro del genere.