07/12/18

Se ne va Pete Shelley, Homosapien del punk britannico

Siamo molto rattristati alla notizia dell'improvvisa morte di Pete Shelley, leader dei Buzzcocks. Un maledetto infarto se lo porta via a 63 anni.

La band è stata una delle prime e più influenti della scena punk del Regno Unito e questo era il suo pensiero sul movimento: 
"Ci sono molti musicisti che amo ascoltare, ma che sono pure e semplici intrattenitori. Ma io non voglio essere così, perché alla base dell'intrattenimento c'è sempre quella disonestà che il punk ha cercato di spazzare via. E' come fingere di essere qualcosa che non sei. Il punk è un'arte d'azione. Si tratta di decidere di fare qualcosa e poi uscire e farlo ".

Peter McNeish e Howard Trafford furono gli organizzatori del mitico concerto del giugno 1976 dei Sex Pistols alla Lesser Free Trade Hall di Manchester, che diede il via al punk in Inghilterra.
Sei settimane dopo, quando i Pistols tornarono a Manchester per una nuova esibizione, McNeish era diventato Pete Shelley, mentre Trafford cambiò in Howard Devoto. Insieme, dopo aver reclutato un bassista e un batterista, fecero da supporter ai Pistols sotto il nome Buzzcocks. Nel dicembre del 1976 usci il loro primo disco, l'EP Spiral Scratch.

Tanti gli amici che hanno reso omaggio a Shelley dopo che la notizia della sua morte è stata confermata giovedì. 

Lo scrittore Neil Gaiman ha twittato:
"Parte della mia giovinezza muore con lui. 
RIP Pete Shelley. "
Buzzcocks
@Buzzcocks
E 'con grande tristezza che confermiamo la morte di Pete Shelley, uno dei cantautori più influenti e prolifici del Regno Unito e co-fondatore della band punk originale dei Buzzcocks.
Tim Burgess
@Tim_Burgess
Pete Shelley ha scritto perfette canzoni pop di tre minuti. La colonna sonora perfetta di un adolescente. Ci mancherai Pete ma sarai ricordato per molto tempo per la tua musica brillante 
Glen Matlock
@GlenMatlock
Sono totalmente scioccato e rattristato nell'apprendere della morte prematura di Pete Shelley.
Un superbo cantautore, un artista e un ragazzo dolce che è stato uno dei pochissimi originali del punk e anche fuori di esso.
Le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici.


                         
Rock, è un paese per vecchi: Buzzcocks

                                   


Nessun commento:

Posta un commento