30/03/15

I principi ormai superati di AA, Alcolisti Anonimi

Uno dei principi cardine degli Alcolisti Anonimi, dice che è la persona ad essere profondamente sbagliata. Il grande libro, AA's Bible, afferma: "Raramente abbiamo visto una persona fallire, dopo che ha accuratamente seguito il nostro percorso. Coloro che non recuperano sono persone che non possono o non vogliono dedicarsi completamente a questo semplice programma, di solito gli uomini e le donne che sono costituzionalmente incapaci di essere onesti con se stessi. Ci sono questi disgraziati. Essi non si sentono in colpa; sembrano esserci nati, in questo modo. La loro disperazione è accresciuta solo dalla loro mancanza apparente di opzioni. "

Molte persona chiaramente, credono che non ci sia altro modo. I 12 punti (più comunemente conosciuti come i 12 passi..) sono così profondamente radicati, soprattutto negli Stati Uniti, che molte persone, tra cui medici e terapisti, credono che partecipare alle riunioni, e non bere un sorso di alcol sia l'unico modo per ottenere un risultato ai loro problemi. Ospedali, ambulatori, centri di riabilitazione utilizzano i 12 punti come base per il trattamento. Ma anche se pochi sembrano rendersene conto, ci sono alternative, compresi i farmaci da prescrizione e terapie che mirano a aiutare i pazienti ad avere un rapporto con l'alcol, cioè imparare a bere con moderazione. A differenza degli Alcolisti Anonimi, questi metodi si basano sulla scienza moderna e sono stati dimostrati, in studi randomizzati, e studi controllati..Ci sono voluti anni a "lavorare al programma," prima di capire finalmente che gli Alcolisti Anonimi non è, o non è il migliore, programma per avere una speranza di guarigione. Molte persone però non sanno che ci sono altre strade. Il dibattito sull' efficacia dei 12 punti è stato tranquillamente e spumeggiantemente propagandato per decenni tra gli specialisti delle dipendenze.

Intanto, l'American Medical Association stima che su circa 1 milione di medici negli Stati Uniti, solo 582 si identificano come specialisti nella cura delle dipendenze. (Il rapporto rileva poi che ci sono medici che hanno una specializzazione, o per meglio dire una sub-specializzazione nelle dipendenze.) La maggior parte di questi hanno credenziali di consulente o consigliere per la dipendenza o per abuso di sostanze , per cui molti Stati richiedono poco più di un diploma di scuola superiore per esercitare . Molti consiglieri sono, o sono stati essi stessi in terapia di recupero. Il rapporto ha dichiarato che..: "La stragrande maggioranza delle persone che necessitano di trattamento per la tossicodipendenza non riceve nulla che si avvicina alla cura basata sull'evidenza".
L'associazione degli Alcolisti Anonimi è stata fondata nel 1935, quando la conoscenza del cervello era ancora agli albori. Da allora, offre un unico percorso di recupero: l'astinenza da alcol per tutta la vita. Il programma indica, o meglio impone ai membri di cedere il loro ego, accettare di essere "impotenti" di fronte all' alcol, fare ammenda per coloro che sbagliano, e pregare. AA (acronimo abbreviato) è notoriamente difficile da poter studiare. Per necessità, non hanno nessun archivio di chi partecipa alle riunioni; i membri vanno e vengono e sono, naturalmente, anonimi. Non esistono dati conclusivi su come il tutto funziona. Nel 2006, la Cochrane Collaboration, un gruppo di ricerca sanitaria, riesamindo studi ha scoperto che "non esistono studi sperimentali che inequivocabilmente dimostrano l'efficacia di AA o del loro programma, i famosi 12-punti, e in generale tutto l'approccio nella cura delle dipendenze e per i problemi di alcol". Questo " grande libro" (AA’s Bible) include una affermazione inserita nella seconda edizione, che è stata pubblicata nel 1955: AA ha lavorato con il 75 per cento delle persone che hanno partecipato agli incontri e che il 50 per cento di questi ha subito smesso, mentre un altro 25 per cento ha lottato per un pò, ma alla fine ha recuperato. Secondo AA, queste cifre si basano sulle esperienze dei membri. Nel suo recente libro, The Sober Truth: Debunking the Bad Science Behind 12-step programm and Rehab Industry, Lance Dodes, un professore di psichiatria in pensione presso la Harvard Medical School, ha esaminato i tassi di ritenzione degli Alcolisti Anonimi con studi sulla sobrietà e i tassi di coinvolgimento attivi (partecipazione a riunioni regolari e di lavoro nel programma) tra i membri di AA. Sulla base di questi dati, il tasso di successo effettivo di AA oscilla tra il 5 e l'8 per cento. Questo è solo una stima approssimativa, ma il più preciso tra quelli che siamo riusciti a trovare.

Donne e l'alcool, Her best-kept secret: why women drink and how they can regain control - pubblicato nel 2013

Incredulità da parte di tanti medici e psichiatri ogni volta che hanno esaminato i dati, con un tasso di successo che sembra librarsi in una sola cifra. Siamo abituati a così tante testimonianze di coloro che dicono che AA ha salvato la loro vita che prendiamo l'efficacia del programma come una testimonianza di fede. Raramente arrivano testimonianze da coloro su cui il trattamento non ha funzionato. Ma pensate: quante celebrities possiamo citare che rimbalzano come palline, dentro e fuori dai centri di riabilitazione (rehab) senza mai ottenere un risultato? Perché diciamo che loro hanno fallito il programma, piuttosto che è stato il programma a fallire? Quando il libro è uscito in America, decine di membri di Alcolisti Anonimi hanno detto che si era sfatato il mito del tasso di successo del 75 per cento, per ferire o addirittura uccidere persone, e per scoraggiare la partecipazione delle persone alle riunioni. Ma la maggior parte di quelli che il libro ha intervistato erano disperate nei loro racconti delle esperienze nell'ambito del trattamento . Amy Lee Coy, l'autore di un libro di memorie, From Death Do I Parte: How I freed Myself from Addiction, ha raccontato dei suoi otto tentativi di riabilitazione, a partire da quando aveva 13 anni <<E 'come avere lo stesso antibiotico per una infezione che resiste - otto volte , ha senso? Sinceramente pensavo che AA era l'unico modo per chiunque per tornare sobrio, ma ho imparato che mi sbagliavo>>. Questa e altre persone aveva messo la loro fede in un sistema e erano stati indotti a credere che fosse il solo efficace: <<"Molti vi diranno che coloro che completano il programma hanno un tasso di successo molto elevato, il che significa che la maggior parte riescono ad astenersi dalle droghe e dall' alcol, ma solo mentre partecipano ai programmi>>".

Alcolisti Anonimi ha più di 2 milioni di iscritti in tutto il mondo, e la struttura e il supporto che offre hanno aiutato molte persone. Ma questo supporto non è sufficiente per tutti. La storia di AA è la storia di come un approccio al trattamento ha messo radici prima che altre opzioni fossero scoperte, decine di nuovi metodi hanno dimostrato di funzionare meglio. Un'analisi meticolosa dei trattamenti, pubblicato più di un decennio fa in The Handbook of Alcoholism, ma considerato ancora uno dei dei più completi, classifica AA al 38 ° su 48 metodi. In cima alla lista troviamo brevi interventi di un medico professionista; valorizzazione motivazionale, una forma di consulenza che si propone di aiutare le persone a capire la necessità di cambiare; e associato, un farmaco che ne aiuta la propensione. Come organizzazione, Alcolisti Anonimi non ha una reale autorità centrale: ogni AA è più o meno autonoma e si rifiuta di prendere posizioni su questioni al di là del proprio campo di applicazione. (Quando è stato chiesto di parlare con qualcuno del Service Office General, sede amministrativa di AA, per quanto riguarda la posizione di AA su altri metodi di trattamento, hanno risposto con una e-mail che diceva: "Alcolisti Anonimi non sostiene o si oppone ad altri approcci, e collaboriamo ampiamente con la professione medica ". L'ufficio inoltre ha rifiutato di commentare se l'efficacia di AA è stata dimostrata.) Ma molti in AA e nell'industria della riabilitazione insistono nell’indicare i 12 punti come l'unica risposta e glissa sull'uso dei farmaci che hanno dimostrato di aiutare le persone a non bere. Le persone con problemi di alcol soffrono anche di tassi di problemi di salute mentale più alti del normale, e la ricerca ha dimostrato che il trattamento della depressione e l'ansia con il farmaco può ridurre la voglia di bere. Ma AA non è in grado di risolvere questi problemi, si tratta solo di un gruppo di sostegno i cui leader hanno una mancanza di formazione professionale.

Così AA ha propagandato che molte persone che credono di essere forti bevitori non possono recuperare prima che abbiano "toccato il fondo." E questa convinzione è ormai dilagata nella nostra cultura. Ed è come asserire che bisogna curare con gli antidepressivi solo coloro che hanno tentato il suicidio, o prescrivere l’insulina solo dopo che un paziente è scivolato in coma diabetico. Si potrebbe anche dire a un ragazzo che pesa 150 kg e ha un ipertensione non trattata e il colesterolo a 300, che può continuare a mangiare nei fast food, e dopo gli assicureremo un triplo bypass quando avrà un attacco di cuore,'" Mark Willenbring, uno psichiatra in St. Paul e un ex direttore dell'Istituto nazionale per l’abuso di alcool e l'alcolismo, alza le mani. "Assurdo. Alcolisti Anonimi è stato originariamente pensato per problemi cronici, bevitori in gravi situazioni, quelli che risultano, infatti, essere impotenti di fronte all'alcol, ma il suo programma è stato applicato ad un area di pazienti molto più ampia. Oggi, per esempio, i giudici richiedono ordinariamente a chi è stato arrestato per ubriachezza a partecipare alle riunioni; il 12 per cento dei partecipanti a queste riunioni ci sono per ordine del tribunale. Mentre AA insegna che l'alcolismo è una malattia progressiva che segue una traiettoria inevitabile, i dati di un sondaggio finanziato dal governo federale chiamato National Survey on Alcohol e patologie correlate mostrano che quasi un quinto di coloro che hanno avuto dipendenza da alcol prosegue nel bere anche se a bassi livelli, senza il rischio di sintomi di abuso. E un recente sondaggio su quasi 140.000 adulti dei Centers for Disease Control and Prevention ha rilevato che nove su 10 forti bevitori non sono dipendenti da alcol e, con l'aiuto di un breve intervento medico, può cambiare le sue abitudini malsane.

Si stima che 18 milioni di americani soffrono di disturbi da abuso di alcol. Entrambi i gruppi-i tossicodipendenti hard-core e i più moderati bevitori hanno bisogno di un trattamento individualizzato. Gli Stati Uniti spende circa 35 miliardi di dollari all'anno in trattamento di alcol e abuso di sostanze, e l’alcol provoca 88.000 morti l'anno, tra cui ci sono morti per incidenti stradali e per le malattie legate all'alcol. Il costo per il paese è di centinaia di miliardi di dollari in spese relative all'assistenza sanitaria, giustizia penale, incidenti dei veicoli a motore, e la perdita di produttività per i posti di lavoro persi, secondo il CDC. Quali terapie dobbiamo adottare e pagare per la loro attuazione ? In Finlandia, un paese che condivide con gli Stati Uniti la storia del proibizionismo (i finlandesi misero fuorilegge l'alcol dal 1919-1932, sul modello americano) e una cultura del bere pesante.

Il modello adottato in Finlandia si basa in gran parte sul lavoro di un neuro scienziato americano di nome John David Sinclair. Sinclair a Helsinki stava combattendo il cancro alla prostata in fase avanzata, e i suoi folti capelli bianchi erano tagliati corti, in preparazione per la chemioterapia. Sinclair ha studiato gli effetti dell'alcol sul cervello da era studente presso l'Università di Cincinnati, dove ha effettuato alcuni esperimenti con i ratti. Sinclair osservato che dopo diverse settimane senza alcol, i ratti perdevano il desiderio di assumere alcol. Invece, quando ha ridato loro l'alcol , si sono hanno ripreso a bere molto più di prima. Sinclair ha chiamato questo effetto da privazione da alcol, ed i suoi risultati di laboratorio, sono state purtroppo confermate da molti altri studi, e ha suggerito un difetto fondamentale nel trattamento basato sull'astinenza: andare in.. tacchino freddo, (il Cold Turkey, come gli americani chiamano i disastrosi e insopportabili sintomi dell’astinenza..) intensifica solo la voglia di riprendere. Questa scoperta ha contribuito a spiegare perché le recidive sono comuni. Sinclair pubblicò le sue scoperte su una manciata di giornali e nei primi anni 1970 si trasferì in Finlandia, dove ebbe la possibilità di lavorare in quello che considerava il miglior laboratorio di ricerca sull’alcol del mondo, con ratti speciali che erano stati allevati con alcol invece che con l’acqua. Sinclair è arrivato a concludere che le persone che sviluppano problemi di alcolismo, lo fanno attraverso un processo chimico: ogni volta che bevono, le endorfine rilasciate dal cervello rafforzano alcune sinapsi. Più queste sinapsi crescono, più è probabile che la persona è portata a pensare, e alla fine bramano, alcol, fino a quasi innescare una sete compulsiva di alcol. Sinclair ha teorizzato che se si potesse impedire alle endorfine di raggiungere il loro obiettivo, i recettori oppiacei del cervello, si potrebbe gradualmente indebolire le sinapsi, e la sete compulsiva andrebbe a placarsi. Per verificare questa ipotesi, ha somministrato oppioidi antagonisti, farmaci che bloccano i recettori di oppiacei nei ratti appositamente allevati. Ha scoperto che se i ratti prendevano il farmaco ogni volta che gli veniva somministrato alcol, gradualmente bevevano meno. Ha pubblicato le sue scoperte in riviste a partire dagli anni 80.

Studi successivi hanno scoperto che un antagonista degli oppioidi chiamato naltrexone è sicuro ed efficace per gli esseri umani, e Sinclair ha iniziato a lavorare con questo farmaco, collaborando con i medici in Finlandia. Ha suggerito prescrizioni di naltrexone per i pazienti, da prendere un'ora prima del consumo di alcol. Una volta placata la voglia di bere, potrebbero quindi imparare a controllare il loro consumo. Numerosi studi clinici hanno confermato che il metodo è efficace, e nel 2001 Sinclair ha pubblicato un articolo sulla rivista Alcohol and Alcoholism per segnalare un tasso del 78 per cento di successi, i pazienti avevano ridotto il loro consumo a circa 10 drink a settimana. Alcuni si fermavano  del tutto.

Cliniche di controllo, che Sinclair ha co-fondato in Finlandia. (c'è ne una supplementare in Spagna.)
Negli ultimi 18 anni, più di 5.000 finlandesi con problemi di alcolismo si sono curati nelle Cliniche di controllo. Il 75 per cento di loro hanno avuto successo riducendo il loro consumo a un livello di sicurezza. Il  comune  trattamento prevede sei mesi di terapia cognitivo-comportamentale, una forma orientata agli obiettivi della terapia, con uno psicologo clinico. Il trattamento in genere include anche un esame fisico, esami del sangue, e una prescrizione di naltrexone o nalmefene, un nuovo antagonista degli oppioidi approvato in più di due dozzine di paesi. Il costo di questa terapia si aggira sui 2.000 euro, circa 2.500 dollari, una frazione rispetto al costo di riabilitazione ospedaliera negli Stati Uniti, che abitualmente si attesta in decine di migliaia di dollari per un soggiorno di 28 giorni. "Che cosa fanno, con tutti quei soldi?" Ippoterapia, arte terapia, labirinti di consapevolezza nel deserto, che sembrano non avere niente a che fare con trattamenti scientifici. Alcune strutture costano fino a $ 40.000 al mese e non offrono il trattamento oltre le sessioni degli AA, guidati da consulenti con un minimo di qualifica. Per molte persone la sobrietà diventa una loro decisione, dopo la scoperta del naltrexone, e del Vivitrol, una forma iniettabile del farmaco, in alcuni centri di disintossicazione in California. Avevano tentato con Alcolisti Anonimi e la riabilitazione tradizionale, senza successo. Affermano che prendere questi farmaci è stato come premere un interruttore. Per la prima volta in molti anni, sono stati in grado di bere un solo drink e poi fermarsi. Hanno in programma di continuare a prendere naltrexone a tempo indeterminato: hanno poi fondato una organizzazione no-profit per le persone che cercano informazioni su di esso e prodotto un documentario dal titolo One Little Pill.
Bill Wilson, padre fondatore di AA, aveva ragione quando ha insistito, 80 anni fa, che la dipendenza da alcol è una malattia, non un difetto morale. Perché, allora, non l'affrontiamo con trattamento medico? E 'una domanda che abbiamo sentito tante volte da ricercatori e clinici.

"Disturbi da alcol e da uso di sostanze sono nel regno della medicina". "Questo non è il regno dei sacerdoti".

La difficoltà di determinare quali pazienti sono dei buoni candidati per questo tipo di trattamento è un importante nota di cautela. Ma promuovere l'astinenza come unico obiettivo valido di trattamento tale scoraggia tantissime persone con disturbi da abuso di alcol lieve o moderato dal cercare aiuto. La prospettiva di non poer bere neanche minimamente è scoraggiante, per non dire altro. L'astinenza viene fornita con costi sociali altissimi e può anche essere peggiore per la salute di un bevitore moderato: la ricerca ha scoperto che bere un drink o due al giorno potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache, demenza, e il diabete. Per molti, però, l'idea di un recupero senza astinenza è un anatema.
I suoi sostenitori continuano ad insistere che l'alcolismo è una malattia unitaria, una malattia progressiva che può essere arrestato solo temporaneamente con l'astensione totale. Intanto, solo l'America spende 35 miliardi dollari l'anno per trattamenti di tossicodipendenza, ma bere pesantemente provoca 88.000 decessi all'anno.