11/01/18

Hepcat, Marcus Garvey era un eroe nato in Giamaica

Marcus Garvey era un negro nato in Giamaica
Marcus Garvey era un eroe nato in Giamaica
Sposò due mogli di nome Amy e Aimee
Aveva due figli, quelli di Amy
Uno è un dottore
Uno è un insegnante
Alcuni dicono Garvey Ded-o
Alcuni dicono di no Ded-o
Alcuni dicono di conoscerlo
Alcuni dicono che non lo conoscono..
Ho incontrato alcuni fanatici
l'altro giorno
hanno un piano indescrivibile..


Hepcat - Scientific





"I neri non possono conquistare in America nè la libertà nè l'indipendenza nè il rispetto di se e debbono per questo lasciare l'America ai bianchi e ritornarsene in africa,alla loro terra d'origine".

Marcus Garvey, discendente dai Maroon (derivazione dallo spagnolo di cimaron, che significa senza regola e fuggiasco, parte dei circa 800 mila schiavi che dal 1650 al 1820 furono sbarcati in Giamaica e che abbandonarono le coste per rifugiarsi all'interno unendosi in villaggi, ricostituendosi come società..) fondò l'U.N.I.A. (Universal Negro Improvment Association) che aveva come scopo il rimpatrio in Africa, fu il primo a delineare un legame reale tra i neri d'America e l'Africa. I suoi erano appelli potenti: "lavoriamo insieme per creare una nazione libera, redente, possente!"


La scelta dell'Etiopia come simbolo dell'Africa e della cultura africana affonda le sue radici nella storia nera. Per i rasta l'Etiopia è stato uno dei più antichi centri di civiltà ed essi pensano che Adis Abeba fosse l'antica Sion. Il legame tra Garvey e i rasta è profondo e risale ad una sua antica profezia:"Guardate all'Africa quando un re nero sarà incoronato perchè il giorno della liberazione sarà vicino.." Nel 1930 Ras (principe) Tafari venne incoronato Hailè Selassiè (potenza e strumento della trinità) l'imperatore d'Etiopia, Negusa Negast, leone Conquistatore delle tribù di Giuda, eletto da Dio per il riscatto di tutta la gente nera. L'invasione dell'Etiopia,voluta da Mussolini nel 1935 e la sconfitta di Adua del '41 furono eventi che confermarono la missione divina dell'Imperatore: per la prima volta in Africa un esercito di neri aveva sconfitto e scacciato gli stranieri. Nelle strade di Kingstone i predicatori itineranti asserivano la loro fede nella divinità dell'Imperatore d'Etiopia come Dio vivente, Messia ritornato. Anche se i rasta credono che Hailiè Selassiè fosse figlio di Dio/Jah non pensano che tutto quello che abbia fatto sia stato 'buono', anche lui come Cristo era limitato dalle sembianze umane. Più che altro mettono l'accento sui lati positivi, l'abolizione della schiavitù, lotta contro l'analfabetismo sorvolando sui bombardamenti dell'Eritrea, i massacri di studenti e oppositori, l'asservimento agli Stati Uniti. Ai rasta la politica interna interessa meno della facciata esterna e bisogna ammettere che pubblicamente Selassiè si battè sempre per i diritti della razza nera.

Lo Ska
Le onde delle radio rhythm'm blues del sud degli USA arrivavano bene in Giamaica fin verso il 1959, anno in cui venne in mente ad un certo signore, Lauren Aitken, di smetterla di copiare gli artisti americani che venivano fuori da radio Winz, la stazione più ascoltata in Giamaica, e cercare di personalizzare in qualche modo quel suono troppo americano per gli artisti delle isole caraibiche. Il basso (come nel Dub) che acquista sempre maggior risalto, sezioni fiatistiche che imperversano duramente sui pezzi, musica contraddistinta da un ritmo saltellante che cambiando schemi e ritmi diventerà Rock Steady verso il '1967/68 e si evolverà in reggae alla fine dei '60, inizio 70. Il suo ritmo accattivante, le melodie facilmente assimilabili resero la Ska famoso in tutta l'isola, perché era la prima forma musicale interamente giamaicana e presto, grazie all'opera di Aitken, Owen Gray, dei Maytals e di tanti altri, riusci ad esportare le sue cose migliori non verso gli USA come la vicinanza avrebbe fatto pensare, ma in Inghilterra, dove operava una grossa etichetta, la Melodisc's Blue Beat che per prima chiamò ad incidere proprio Aitken, Derrick Morgan, J.Cliff. Lo Ska si affermò in Inghilterra proprio col nome di Bluebeat. Little Sheila, tirato fuori dallo ska originator, il grandfather L.Aitken è considerato il primo esempio di Ska: correva l'anno 1959.