20/01/18

Margaret Atwood scrive sul movimento #MeToo

«Sembra ci sia un’intera nazione piena di giovani donne che non sanno chiamare un taxi»
Caitlin Flanagan

 Margaret Atwood, l’autrice di The Handmaid’s Tale si interroga su cosa significhi essere una “cattiva femminista” e invita alla cautela quando si tratta di ritenere colpevoli gli accusati di molestie

Da paladina del femminismo a cattivo esempio e accusatrice degli stessi movimenti femminili il passo di questi tempi è breve. La prolifica scrittrice canadese è divenuta negli ultimi anni un’icona di un rinnovato movimento di liberazione femminile dopo che alcuni suoi romanzi, in particolare Il racconto dell’ancella e L’altra Grace, sono divenuti delle popolari serie tv (The Handmaid’s Tale, che abbiamo più volte consigliato e Alias Grace) focalizzando l’attenzione sul ruolo spesso vilipeso delle donne. Ora però l’autrice è sotto attacco per le sue posizioni sul movimento #MeToo e per un suo editoriale pubblicato sul quotidiano canadese The Globe and the Mail.
Questa è la traduzione (e scusate qualche licenza che ci siamo presi) della lettera, in cui scrive che le donne non sono solo buone e angelicate, altrimenti non esisterebbe un sistema legale, che una persona non può essere colpevole solo perché accusata, e che «in tempi estremi, gli estremismi vincono», e si finisce per dividere in tifoserie situazioni complesse: da una parte chi sta con gli stupratori, dall’altra chi con gli illuminati.
La riteniamo (la lettera) un validissimo contributo, anche alla luce di nuovi episodi di presunti stupri, come quello di James Franco e del comico  Aziz Ansari, sputtanato online per.. "un appuntamento finito male"

"Sembra che io sia una "cattiva femminista". Posso aggiungere questo alle altre cose di cui sono stata accusata dal 1972, come scalare la fama su una piramide di teste decapitate di uomini, di essere una dominatrice incline alla sottomissione degli uomini (una persona retta, completa con una illustrazione di me in stivali di pelle e una frusta) e di essere una persona orribile che può annientare - con i suoi poteri magici di strega bianca - chiunque, nei salotti di Toronto, sia critico . Sono così spaventosa! E ora, a quanto pare, sto conducendo una guerra alle donne, come la cattiva femminista misogina e stupratrice che sono.
Come sarebbe una buon femminista agli occhi dei miei accusatori?
La mia posizione fondamentale è che le donne sono esseri umani, con tutta la gamma di comportamenti santi e demoniaci che questo comporta, compresi quelli criminali. Non sono angeli, incapaci di commettere errori. Se lo fossero, non avremmo bisogno di un sistema legale.

Né credo che le donne siano bambine, incapaci di agire o di prendere decisioni morali. Se lo fossero, torniamo al 19 ° secolo, con le donne che non dovrebbero possedere proprietà, avere carte di credito, avere accesso all'istruzione superiore, controllare la propria riproduzione o votare. Ci sono gruppi potenti in Nord America che spingono per questo programma, ma di solito non sono considerati femministe.

Aziz Ansari
Inoltre, credo che per avere diritti civili e umani per le donne debbano esserci diritti civili e umani, compreso il diritto alla giustizia fondamentale, per tutti. Le brave femministe credono che solo le donne dovrebbero avere tali diritti? Sicuramente no. Ciò significherebbe capovolgere la questione sul vecchio stato delle cose, in cui solo gli uomini avevano tali diritti.
Supponiamo, quindi, che i miei accusatori, brave femministe e la cattiva femminista che sono io siano d'accordo sui punti precedenti. Dove divergiamo? E come sono entrata in conflitto con le buone femministe?
Nel novembre del 2016, ho firmato - in linea di principio, come ho firmato molte petizioni - una lettera aperta denominata UBC Accountable, che chiede di ritenere l'Università della Columbia Britannica responsabile del fallimento nel trattamento del caso di uno dei suoi dipendenti, il responsabile del dipartimento di scrittura creativa Steven Galloway, nonché il trattamento di coloro che sono diventati denuncianti ausiliari nel caso. In particolare, diversi anni fa, l'università è diventata famosa nei media nazionali prima che ci fosse un'indagine, e persino prima che l'imputato potesse conoscere i dettagli dell'accusa. Prima di poterli conoscere, dovette firmare un accordo di riservatezza. Il pubblico - inclusa me - rimase convinta che quell'uomo fosse uno stupratore seriale violento, e tutti erano liberi di attaccarlo pubblicamente, poiché in base all'accordo che aveva firmato, non poteva dire nulla per difendersi. Seguì una raffica di invettive.

Ma poi, dopo un'inchiesta da parte di un giudice che è andato avanti per mesi, con molteplici testimoni e interrogatori, il giudice scoprì che non c'era stata violenza sessuale, come aveva sempre sostenuto, con dichiarazione attraverso il suo avvocato, il signor Galloway . Il professore è stato licenziato comunque. Tutti furono sorpresi, inclusa me. Per molto tempo non fu possibile avere accesso al rapporto del giudice o al suo verdetto in base alle prove presentate. Il verdetto di non colpevolezza non piacque ad alcune persone. Continuarono ad attaccare. Fu dopo che la ricostruzione fatta da UBC iniziò a circolare, che la lettera di UBC Accountable che ho sottoscritto divenne realtà.

Ho preso questa posizione in base alle prove presentate. I miei critici no, perché hanno già preso una decisione. Sono queste brave persone della buone femministe? In caso contrario, si stanno solo nutrendo della vecchia narrativa che ritiene le donne incapaci di equità o di giudizio, e stanno dando agli avversari delle donne un motivo in più per negare loro il proprio potere decisionale nel mondo.

Una digressione: parlare di streghe. Un altro punto contro di me è che ho paragonato il procedimento  contro Galloway con i processi di stregoneria di Salem, in cui una persona era colpevole solo perché accusata. I miei buoni accusatori femministi fanno un eccezione a questo paragone. Pensano che li stavo paragonando agli stregoni di Salem , chiamandole bambine isteriche. Alludevo invece alla costruzione delle prove contro gli accusati.

Esistono attualmente tre tipi di linguaggio "strega".
 1) Chiamare qualcuno una strega, come applicato generosamente a Hillary Clinton durante le recenti elezioni.
2) "Witchhunt", indicava qualcuno che cerca qualcosa che non esiste.
3) La costruzione delle prove di stregoneria di Salem, in cui eri colpevole solo perché accusata.
Stavo parlando del terzo caso.

Questa formula - colpevole perché accusata - è stata applicata in molti altri casi nella storia, ancora più di Salem. Tende a dare il colpo finale durante la fase delle rivoluzioni. "Terrore e virtù" - qualcosa è andato storto, e ci deve essere una purga, come nella rivoluzione francese, le purghe di Stalin nell'URSS, il periodo delle Guardie rosse in Cina, il regno dei generali in Argentina e gli inizi della rivoluzione iraniana. L'elenco è lungo, sia a sinistra che a destra, che non si sono risparmiate...
Queste cose sono sempre fatte nel nome di un mondo migliore. A volte sono usate come scusa per nuove forme di oppressione. Per quanto riguarda la giustizia privata - condanna senza processo - inizia come una risposta alla mancanza di giustizia ordinaria - o perché si ritiene il sistema corrotto, come nella Francia prerivoluzionaria, o nel selvaggio West - quindi la gente prende la cosa nelle proprie mani. Ma una giustizia privata comprensibile e temporanea può trasformarsi in linciaggio, e in una cultura di massa solidificata, in cui la modalità di giustizia istituzionale viene gettata dalla finestra, le strutture di potere extralegali vengono accettate e mantenute. Cosa Nostra, ad esempio, iniziò come una resistenza alla tirannia politica.

Il movimento #MeToo è sintomo di un sistema legale inceppato. Troppo spesso di recente le rimostranze delle donne e di altre vittime di abuso non ricevono la giusta attenzione presso le istituzioni quindi si è usato un nuovo strumento: internet. Le stelle sono cadute. Si sono ottenuti molti risultati e l’attenzione è stata attirata su questi temi. Ma cosa ci sarà poi?. 

Se il sistema legale viene aggirato perché considerato inefficiente, cosa prenderà il suo posto? Chi saranno i nuovi mediatori di potere? Non saranno le cattive femministe come me. In tempi di estremi, gli estremisti vincono. La loro ideologia diventa una religione, chiunque non riesca a interpretare le loro opinioni è visto come un apostata, un eretico o un traditore, e i moderati nel mezzo sono annientati.
Gli scrittori di narrativa sono particolarmente sospetti perché scrivono di esseri umani e le persone sono moralmente ambigue. Lo scopo dell'ideologia è eliminare l'ambiguità.
Anche la lettera di UBC Accountable è un sintomo - un sintomo del fallimento dell'Università della British Columbia e del suo processo imperfetto. Questa avrebbe dovuto essere una questione affrontata dal Canadian Civil Liberties o B.C. Civil Liverties. Forse queste organizzazioni ora alzeranno le mani. Dal momento che la lettera è diventata una questione di censura - con le proteste messe in atto per eliminarla dal sito dell'Università e le molte parole pensanti dei suoi scrittori - forse anche PEN Canada, PEN International, CJFE e Index on Censorship possono averne visione.
La lettera diceva fin dall'inizio che le accuse dell' UBC erano false. Aggiungo che il fallimento riguarda la gente che finanzia l'università, con i circa $ 600 milioni l'anno. Vorremmo sapere come sono stati spesi i nostri soldi in questo caso. I contribuenti dell' UBC - che riceve miliardi di dollari in donazioni private - hanno il diritto di sapere.

In tutta questa faccenda, gli scrittori sono stati messi l'uno contro l'altro, specialmente da quando la lettera è stata distorta dai suoi aggressori e vilipesa come un attacco alle donne. Ma in questo momento, chiamo tutti - le buone femministe e le cattive femministe come me - ad abbandonare battibecchi improduttivi, unire le forze e dirigere i riflettori dove avrebbero dovuto essere per tutto il tempo - su UBC.
Una volta che UBC avrà avviato un'inchiesta indipendente sulle proprie azioni - come quella condotta di recente alla Wilfrid Laurier University - impegnandosi a rendere pubblica tale inchiesta, il sito di UBC Accountable avrà raggiunto il suo scopo. Lo scopo non era quello di attaccare le donne.
Perché la responsabilità e la trasparenza sono state giudicate come antitetiche rispetto ai diritti delle donne?
Una guerra tra donne, al contrario di una guerra alle donne, è sempre gradita a coloro che non desiderano il bene le donne. Questo è un momento molto importante. Spero che non venga sprecato."
Margaret Atwood