14/02/13

La radio: giornata mondiale

Il 13 febbraio è stata la Giornata mondiale delle radiocomunicazioni, un giorno per celebrare la radio come mezzo, per migliorare la cooperazione internazionale tra le emittenti e promuovere l'accesso all'informazione e la libertà di espressione sulle onde radio.

La radio continua ad evolversi nell'era digitale, e resta il mezzo che raggiunge il pubblico più vasto in tutto il mondo. La radiofonia aiuta le persone, i giovani, a partecipare e discutere sugli argomenti più disparati e che li riguardano. Con la radio si possono salvare vite umane in caso di catastrofi naturali o causate dall'uomo, e costituisce una piattaforma per il giornalismo, per riferire fatti e raccontare storie. L'UNESCO incoraggia tutti i paesi per celebrare la Giornata Mondiale della Radio, di pianificare le sue attività in collaborazione con le emittenti regionali, nazionali e internazionali, organizzazioni non governative, i media e il pubblico.Le radio sono ovunque, e almeno il 75% delle famiglie nei paesi in via di sviluppo hanno accesso a una radio.
Ci sono circa 44.000 stazioni radio di tutto il mondo, e con i telefoni cellulari sono una delle forme più accessibili di tecnologia, che copre oltre il 70% della popolazione mondiale. Questa tecnologia è particolarmente utile per le donne, (soprattutto nei paesi in via di sviluppo), che sono spesso tagliate fuori o limitate dal frequentare le scuole e percorsi di formazione.
Le radio in AM / FM ,quelle satellitari, e quelle in streaming su Internet possono contare sull' 86% di persone adulte, di età compresa tra 25-54 , che ascoltano le piattaforme principali audio, con il 43% degli intervistati di età compresa tra 25-54 che dichiara di ascoltare le stazioni con i loro figli, mentre il 38% con il coniuge o il partner. Questi dati costituiscono i punti di forza di questo straordinario mezzo di comunicazione. La BBC è forse la radio più diffusa del pianeta, ma dalle rilevazioni si rileva che l'ascolto di una stazione radio straniera declina quando i media locali diventano più liberi e riescono a fornire notizie e informazioni più vicine e utili al territorio in questione, e che la persone apprezzano. Secondo la ricerca, nella maggior parte dei casi la BBC raggiunge un vasto pubblico (20% e più) solo se la scelta dei servizi locali è limitato a poche stazioni locali.

Ad esempio, gli agricoltori impegnati nella progettazione e nello sviluppo agricolo, dichiarano di avere quasi il 50% in più di probabilità di intraprendere pratiche agricole atte a migliorare la sicurezza alimentare tramite le informazione ottenute dalle radio, rispetto ai loro colleghi ascoltatori passivi. Inoltre è stato riscontrato che avvisi (settimanali) tramite SMS inviati ai telefoni degli ascoltatori 30 minuti prima di una trasmissione, può aumentare l'ascolto di una campagna radiofonica fino al 20%.
25 su 51 paesi (49%) hanno canali radio disponibili su una piattaforma combinata, mentre il 13% sono disponibili solo cavo e l'8% in satellite.

In 11 paesi esaminati in Africa, la radio locale commerciale è cresciuto in media del 360 per cento tra il 2000 e il 2006, mentre la radio comunitaria è cresciuto di un sorprendente 1386 per cento, in media, rispetto allo stesso periodo.Per la maggior parte degli ascoltatori in Kenya le informazioni più importanti apprese dalla radio riguardano la politica, in Tanzania è diventato il canale più interattivo nel corso del tempo, con particolare riferimento alla cultura e gli spettacoli, incoraggiando la popolazione alla partecipazione: il 76% di ascoltatori dichiara di ascoltare i radio show, solo il 5% ha effettivamente partecipato ad un evento culturale negli ultimi 12 mesi.
L'83% dei tanzaniani riceve notizie e informazioni dalla radio, che diventa così leader di tutti i mezzi di comunicazione del paese.
La radio è il mezzo più accessibile e utilizzato in Zambia. L'accesso alla radio e alla televisione in aree urbane è più o meno uguale (85% per la radio e il 79% per la TV), mentre nelle zona rurali, la differenza è più significativa (68% per la radio e il 26% per la TV).

Una caratteristica fondamentale in Africa è la convergenza del telefono cellulare con l'ascolto radiofonico . Tra gli abituali utenti mobili in Zambia, il 33% ha dichiarato di ascoltare la radio tramite il loro cellulare su base settimanale, e il 25% che l'ascolto su una base quotidiana. Diversamente l'uso di Internet mobile, l'ascolto della radio è più equamente distribuito tra gli utenti urbani e rurali. Tuttavia, solo l'8% degli utenti di telefonia mobile mensili possiede un telefono cellulare personale.

Il numero totale di stazioni radio comunitarie in America Latina sono circa 10.000, con il Perù con la percentuale più elevata e l'Ecuador, Bolivia e Brasile nel secondo, terzo e quarto posto. Se le stazioni non autorizzate sono anche presi in considerazione, i numeri complessivi sono molto più alti. Recenti indagini da parte dell'UNESCO, ad esempio, dimostrano che vi sono più di 10.000 stazioni radio comunitarie ancora in attesa per le licenze nel solo Brasile.
Il mercato radiofonico brasiliano è il secondo più grande in America, dopo quello statunitense. Secondo i dati dell'Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica (IBGE) del 2009, le radio sono presenti nel 88% delle case, l'80% delle auto in circolazione, e nel 36% dei telefoni cellulari.

Nel Sud-est asiatico, la Thailandia è in cima ai grafici della regione con circa 5.000 stazioni, la maggior parte delle quali operano senza licenza. Nella popolosa Indonesia, la radio ha anche tolto rapidamente lo scettro della comunicazione alla tv, ma il numero di stazioni è nell'ordine delle centinaia piuttosto che delle migliaia. Le Filippine contano più di 55 stazioni radio indipendenti dagli interessi governativi e commerciali che operano al di fuori delle città e utilizzano trasmettitori a bassa potenza.
La radio è il canale più affidabile per la distribuzione di notizie, informazioni e intrattenimento nelle zone rurali interne delle Filippine ', dove le montagne spesso impediscono di ottenere dei buoni segnali televisivi. Secondo la Commissione nazionale per la cultura e le arti, la radio raggiunge l'85% delle famiglie del paese, mentre la televisione raggiunge poco meno del 60%.

Il pubblico totale per i media tradizionali che offrono contenuti di notizie in Russia è in costante diminuzione. Anche a Mosca, che ha un mercato di supporti di stampa con un sistema di vendita avanzata e di distribuzione, con un numero relativamente elevato di cittadini istruiti, i lettori in media mensili per i quotidiani è diminuita dal 18% della popolazione adulta nel gennaio del 2006 al 14,9% nel mese di aprile 2010. L'unico tipo di media tradizionali che è recentemente cresciuto è la radio, per la quale la media audience giornaliera totale è aumentato da 37.7 a 39.2 milioni (un aumento del 4%) dal 2008.

In Sud Sudan, la BBC World Service su radio a onde corte ha un seguito fedele, ottenuto durante la guerra di indipendenza e rimane molto popolare. In alcune zone è la seconda fonte più importante di informazioni dopo la radio statale, con livelli di ascoltatori tra il 30% e il 59% del pubblico.
La Pakistan Electronic Media Regulatory Authority (PEMRA) non consente ai privati di possedere stazioni FM per diffondere notizie nazionali e di economia. In genere, in Pakistan le emittenti private in FM trasmettono musica per il 70% della programmazione. Dedicano circa il 10% del tempo di trasmissione ai talk show, il 10% alla pubblicità e il 5% alle notizie

Fonti:
Unesco
Rapporto EFA Global Monitoring, 2012,
Intermedia, 2011. Mass Media in Zambia,
Voci dal Villaggi: Radio comunitaria in via di sviluppo. CIMA, 2011
Mapping digital media: Russia, Open Society Foundations