31/01/14

Foto Giornalismo da Pulitzer. Truccato


Un evento diventa reale, agli occhi di chi è altrove e lo segue in quanto ‘notizia’, perché è fotografato” 
Susan Sontag


Nel 2012 , Narciso Contreras  faceva parte del gruppo di cinque fotoreporter che ha vinto il Premio Pulitzer per il  lavoro svolto in Siria per l'agenzia  AP, Associated Press . Ora , dopo la scoperta della manipolazione di una foto, con la rimozione di un oggetto dalla stessa, Contreras è stato licenziato dalla agenzia , e il suo intero catalogo di  immagini è stato rimosso dalla distribuzione .
Contreras originariamente scattò la foto (sopra, ndr) di un combattente dell'opposizione nel settembre dello scorso anno. Ha poi digitalmente rimosso una videocamera che era in un angolo in basso a sinistra della cornice , sostituendola con l'immagine di una formazione rocciosa , il tutto in fase di stampaggio. La videocamera non era particolarmente invasiva nella foto , ma Contreras ha optato per rimuoverla , cadendo così in conflitto con le rigide linee guida della AP , in cui si afferma  che ..<<Nessun elemento deve essere digitalmente aggiunto o sottratto da qualsiasi fotografia >>..

Per l'"incidente", L'AP ha pubblicato un articolo sul blog dell'agenzia, , e dopo aver esaminato circa 500 delle altre immagini di Contreras, ha stabilito che questo era l' unico esempio di tale modifica. Il vice Presidente e Direttore della Fotografia Santiago Lyon :

"La reputazione di AP è fondamentale e abbiamo reagito con decisione e con forza quando questa viene offuscata da azioni in violazione del nostro codice etico . Rimuovere deliberatamente elementi dalle nostre fotografie è assolutamente inaccettabile e noi abbiamo deciso la rottura di ogni legame con il fotografo freelance in questione . Egli non lavorerà per l'AP di nuovo a qualsiasi titolo " .

Sembra comunque strano e curioso che Contreras abbia modificato solo questa immagine, rimuovendo un oggetto che sembrava non abbastanza  intrusivo, e inoltre lo stesso Contreras era a conoscenza delle rigide regole dell'AP. Quella telecamera ha portato addirittura ad accuse sul fatto che lo scatto fosse tutta una messa in scena. Contreras ha poi così espresso il suo rammarico sulla questione:

"Ho preso la decisione sbagliata quando ho tolto la telecamera ... mi vergogno di questo. Si può scorrere attraverso i miei archivi e  scoprire che si tratta di un singolo caso, probabilmente il frutto di un momento di forte stress lavorativo, in una situazione molto difficile. Comunque, è successo a me , quindi devo assumere tutte le conseguenze del caso . "
Come sempre accade con le questioni etiche intorno photo-editing , la vicenda solleva più di una domanda, dato che tecnologie di image-making sono letteralmente alla portata di tutti.

Ormai bisogna fare attenzione, si dubita delle fotografie, perché si può facilmente modificare arbitrariamente il contenuto di uno scatto, sottraendone informazioni e immagini, e sostituendoli con elementi preparati a regola d'arte. Altra cosa è tecnica del fotomontaggio, che fa parte da sempre di determinati ambiti della fotografia, ma che  non deve in nessun modo entrare nell'universo del "photojournalism". Le foto di reportage devono informare su fatti realmente accaduti. Qui, il codice di regolamentazione deontologico dell'Aaaociated Press..

Alcuni precedenti:


La clonazione della nube per cancellare l'ombra del fotografo:



Conflitto tra Israele e Libano nel 2006:


Una famiglia in fuga ad Aleppo:



Un bambino, dichiarato siriano, disteso tra i cumuli di pietre delle sepolture dei suoi genitori. In realtà non siamo in Siria, le tombe sono fasulle, e il bambino è il nipote del giovane saudita Abdul Aziz al Otaibi, il fotografo che ha pubblicato la foto su facebook ai primi di gennaio. La foto è stata pubblicata su Twitter da un americano emigrato in Arabia Saudita, seguito da oltre 187 mila contatti, che l’ha presentata come una fotografia scattata in Siria, affermando che i genitori morti del ragazzo sono stati uccisi dal regime di Assad. Tutto falso: