13/03/16

Bolaji Badejo: Il gigante nigeriano che interpretò 'Alien'

ALIEN è uno dei "nostri" film, sempre in cima alle nostre preferenze. In questo capolavoro di Ridley Scott uscito nel 1979 e ormai un classico dello sci/fi horror, l'alieno dello spazio era letteralmente la stella della pellicola e, mentre tutti noi appassionati sappiamo molto del cast del film - con la sua eroina Ripley, interpretata da Sigourney Weaver, e lo sfortunato equipaggio della nave spaziale Nostromo - poco sappiamo dell'uomo che diede vita alla terrificante creatura, una figura quasi inafferrabile come il suo duraturo personaggio sullo schermo. "Alien" fu pubblicizzato con lo slogan "Nello spazio nessuno può sentirti urlare." Opportunamente Bolaiji Badejo, restò in gran parte in silenzio nella sua parte, in uno dei film più celebri del 20 ° secolo. Bolaiji Badejo era un ragazzone nigeriano che studiava arti grafiche a Londra quando Peter Aardram, direttore del casting del film lo vide in un pub: "non appena ho messo piede nel suo ufficio, Ridley Scott capì subito di aver trovato la persona giusta", dichiarò Badejo in una rara intervista per la rivista cinematografica francese, Cinefantastique, nel 1979.

Nick Allder (supervisore per gli effetti speciali, che aveva lavorato a "Incontri ravvicinati del terzo tipo") ancora ride ricordando il suo primo incontro con Badejo.."Ridley entrò con questo ragazzo. Ho pensato che stavo guardando una giraffa ... rimase sulla soglia, si poteva vedere il suo corpo, ma la sua testa era al di sopra della struttura." Il regista Ridley Scott e il produttore associato Ivor Powell erano stati a lungo a grattarsi la testa su chi poteva impersonare Alien, un mostro dalle misure non trascurabili. Inizialmente avevano pensato a Peter Mayhew (che aveva interpretato Chewbacca in "Guerre Stellari") ma n e lui e altri che furono visionati era abbastanza giusto per l' essere ultraterrena creato dall' artista svizzero surrealista HR Giger. "Avevamo avuto questa visione di una mantide religiosa", ricorda Powell. "Avevamo bisogno di qualcuno incredibilmente alto, con le gambe molto lunghe, in modo che quando si sarebbe accovacciato doveva dare l'impressione di un insetto." Alla fine, la creatura di Giger emerse - da un pub di Soho, a Londra. Nato a Lagos, in Nigeria, nel 1953, Bolaji Badejo era il figlio del direttore generale della Nigerian Broadcasting Corporation. Continuò a studiare in Etiopia e poi negli Stati Uniti, prima di trasferirsi a Londra per studiare arti grafiche. Non aveva mai recitato prima o fatto qualcosa di simile. Il nigeriano, per la sua struttura fisica, dai lunghi arti, era l' ideale per il ruolo, ma trasformarlo nella visione di Giger era un'impresa da non poco. Scivolando nella parte Badejo aveva preparatori atletici per aumentare la massa muscolare in alcune zone del suo corpo, ricorda Allder, e prese lezioni di mimo, per imparare a muoversi secondo i desideri di Scott. "L'idea", dichiarò Badejo a Cinefantastique, "era che la creatura doveva essere aggraziata e viziosa, e richiedeva movimenti lenti e deliberati." Ciò fu reso difficile dalla pesantezza della testa dell' alieno, che aveva quasi un metro di lunghezza. All'inizio del filmato di prova all'interno del Nostromo, vediamo Badejo furtivo intorno alla nave che porta una testa aliena rudimentale, per abituarsi alla deprivazione sensoriale inevitabile.Nel costume finale, progettato da Giger e completato con l'esperienza di Carlo Rambald, vero mago e artista degli effetti speciali , l'attore poteva respirare e vedere un po ', ma non poteva fare molto altro. "Riuscivo a malapena a vedere cosa stava succedendo intorno a me, ad eccezione di quando ero in una posizione stazionaria, mentre si effettuavano le riprese. Poi fecero un paio di buchi nel costume e ho potuto guardare attraverso ... Era terribilmente caldo ... Potevo stare nei panni di Alien solo per circa 15 o 20 minuti alla volta. Quando uscivo, ero tutto inzuppato di sudore. "

La tuta di gomma era coperta con KY Jelly, per l'aspetto acido, "Abbiamo dovuto trovare una melma, qualcosa che non inficiasse il costume", dice Allder. "Abbiamo provato pasta di carta da parati, di tutti i tipi, ma il KY Jelly fu l'unico mareriale con cui potemmo lavorare .... Chiamavamo a turno ogni ospedale e farmacie aperte nella zona, chiedendo di poter comprare tutta la gelatina che avrebbero potuto farci avere." Quella tuta deve essere stata piuttosto scomoda e difficile per lui. Tuttavia Badejo non si lamentò mai per le sofferenze patite, "Essere sul set di un film doveva essere molto strano per lui. E anche essere stato sempre l'attrazione principale ... fu un pò uno shock." "Mi chiedo se Bolaji sapesse quanto sia stato importante il suo ruolo ... Forse lo ha capito molto dopo". Badejo non fu l'unico: quando Sigourney Weaver firmò il contratto, pensava che "Alien" fosse un "piccolo film indipendente sconnesso, e a basso budget. Nessuno sapeva che il film avrebbe incassato oltre $ 100 milioni al box office, con soli $ 11 milioni investiti per girarlo, o che Allder, Giger e la loro squadra avrebbero vinto un Academy Award per i migliori effetti speciali visivi. Badejo torò in Nigeria nel 1980, e nel 1983 aprì una galleria d'arte. Morì nel 1992, a soli 39 anni, per un anemia falciforme, lasciando la moglie e due bambini. Uno dei più grandi cattivi di Hollywood e attore improbabile, era invece una persona "bella, dolce e pacifica", e a sua insaputa, è entrato nella storia del cinema.