26/07/13

Miss Indian America



Le vincitrici del concorso Miss indiane d'America, dal 1953-1984, si sono riunite a Sheridan, Wyoming. In origine, la manifestazione era stato organizzata per combattere i pregiudizi contro i nativi americani. Wahleah Lujan (foto), della tribù Taos Pueblo nel nord del New Mexico, che ha vinto il titolo nel 1966, con molta timidezza, ha esclamato: "La cosa più importante della mia vita è la conservazione del nostro antico popolo e del Rio Pueblo de Taos". Quarantasette anni dopo, Lujan è orgogliosa di aver contribuito a preservare la terra del suo popolo. Ora, insegnante di scuola elementare in pensione, attribuisce la sua popolarità, almeno in parte, ai suoi giorni come Miss indian America.

"La mia più grande preoccupazione era quella di mostrare al mondo che abbiamo una cultura meravigliosa, non solo i Taos Pueblo, ma tutte le tribù degli Stati Uniti", dice Lujan. Ed era proprio questo lo scopo e lo spirito del concorso: quello di diffondere e far conoscere la cultura indiana nel resto del paese. "E 'stato necessario", dice lo storico Gregory Nickerson, "perché in posti come Sheridan nel 1950 era possibile leggere cartelli che dicevano cose come 'Qui no indiani e cani', e la popolazione della Crow Indian Reservationnon non poteva fare acquisti o frequentare il centro della città".

Un gruppo di residenti progressisti fecero quadrato e cercarono di cambiare le cose. Cosi nacque l'idea di un concorso per giovani donne native americane. Il concorso si distaccava da quello originario Miss America nazionale. Oltre alla bellezza, venivano valutate anche altre caratteristiche: essere apprezzate nella comunità per l'impegno sociale, la dedizione al benessere della tribù, le capacità comunicative e la diffusione della cultura indiana.. Dice Nickerson: "Non c'era ... una sezione costume da bagno! Dovevano avere l'aspetto, la personalità e l'equilibrio per rappresentare la loro gente nella comunità bianca".
Le vincitrici hanno trascorso un anno in giro per gli Stati Uniti, tenendo conferenze e incontri sulle rispettive tribù e sulle questioni riguardanti i nativi americani.