23/05/14

La terza guerra mondiale scatenata dai Crass

Nel Regno Unito sono da poco stati resi pubblici i documenti riguardanti una delle cose più belle mai fatte dall'unico vero gruppo punk, i Crass. In pratica, nel 1982, quando il resto dei gruppi punk era impegnato a suonare il sax, i Crass hanno creato un collage sovversivo fatto di registrazioni delle voci di Margaret Thatcher e Ronald Reagan per creare una finta telefonata tra i due. (sotto)

Nel 2004, Il fondatore dei Crass, Penny Rimbaud, ha raccontato tutta la storia:

<<"Volevamo provare a inventarci qualcosa per sbarazzarci della Thatcher. Era poco dopo la farsa delle Falklands, quando stava per essere rieletta. Ci avevano detto che c'era qualcosa di cui eravamo a conoscenza che avrebbe potuto seriamente scalfire l'Impero thatcheriano. A quanto pare, la marina militare aveva lasciato che la HMS Sheffield fosse fatta saltare in aria—sarebbe successo per mancata segnalazione all'equipaggio della rilevazione di un missile Exocet. Le altre tre navi del gruppo furono informate e si difesero. Perché? Perché una delle navi era la Invincible, e sopra c'era il principe Andrea. Dato che le informazioni erano confidenziali, decidemmo che l'unica maniera di renderle pubbliche era creare una finta conversazione tra Thatcher e Reagan.

"Abbiamo messo insieme pezzi di frasi prese da discorsi di entrambi, creando una conversazione che includesse dettagli sulla Sheffield. Abbiamo inviato copie della registrazione alle principali testate europee, ma non è successo nulla. Thatcher fu rieletta, ma sei mesi dopo il Dipartimento di Stato Americano annunciò che erano in possesso di registrazioni del KGB 'prodotte per distruggere la democrazia'.

"Capimmo in fretta che stavano parlando delle nostre cassette. Era spaventoso. Un gruppetto di umoristi anarchici stava per far scoppiare una guerra mondiale? Comunque, alla fine la storia sul KGB arrivò anche sulla stampa inglese e non ci volle molto prima di ricevere una chiamata dell'Observer. Era incredibile. L'intera operazione era stata portata avanti in assoluta segretezza, ma in qualche modo erano riusciti a stanarci. Dopo un'estenuante giornata di negoziazioni, accettammo di ammettere la nostra responsabilità a condizione che il giornale pubblicasse nell'articolo anche i dettagli dell'operazione Sheffield, cosa che poi fecero veramente."
"Abbiamo fatto del nostro meglio per raccontare la storia, ma tuttora rimane un evento al quale non è seguita un'indagine seria.">>

Poi sono stati diffusi alcuni documenti ufficiali sul caso. Non sono una gran rivelazione, ma provano che Margaret Thatcher abbia passato una piccola parte del 1983 a farsi una cultura sui Crass. Una cosa che ha in comune con la maggior parte dei punk quarantacinquenni di Kentish Town.

Potete trovare il resto della storia qui. È abbastanza divertente.
In ogni caso, per quanto possa essere divertente aver quasi provocato una terza guerra mondiale, non è di certo la più fine trovata situazionista che i Crass abbiano organizzato. Una volta un loro pezzo è finito in allegato a una rivista per ragazze adolescenti. Ecco come Penny Rimbaud spiega la storia:

<<"Stavamo registrando un album, Penis Envy, e l'ultima traccia del disco era 'Lipstick On Your Penis' che faceva il verso alla canzone 'Lipstick On Your Collar'. Penis Envy era cantata dalla donna del gruppo, era un album molto femminista e 'Lipstick' parlava di come l'istituzione del matrimonio fosse un po' come la prostituzione, forse anche peggio. Dopo aver registrato la traccia, ci siamo resi conto che saremmo quasi sicuramente andati incontro a una violazione di copyright, così decidemmo di riscrivere completamente il testo. Ne uscì una cosa talmente sdolcinata che ci venne l'idea di venderla ad una rivista romantica chiamata Loving. Era una di quelle riviste per ragazzine piena di bugie, fatta per alimentare fantasie impossibili. Riviste del genere provocano solo pene amorose, buttano giù i ragazzi e tolgono la fiducia in loro stessi.

"Comunque, chiamammo gli uffici di Loving presentandoci come la Creative Recordings and Sound Services (CRASS) dicendo, 'Abbiamo appena concluso questa registrazione e pensiamo che possa essere adatta per la vostra pubblicazione.' Ne furono entusiasti. 'Fantastico, magnifico. Stiamo per terminare un numero sulle spose. Che ne dite se lo mettiamo in allegato?' Che è esattamente ciò che diventò. Lo pubblicizzarono come 'Our Wedding' – un 'must per il tuo matrimonio'.

"Ci cascarono con tutte le scarpe, ma il testo era spaventoso, banali cazzate sulle fantasie sociali del matrimonio, cose tipo non guardare più altre persone quando sarai sposato. Pura spazzatura, ma l'hanno inserita con gioia nella loro rivista. Che tipo di amore è mai questo? Poco dopo, un amico a Fleet Street rivelò l'imbroglio che finì sul The Star con il titolo 'Il messaggio d'amore della band dell'odio'. Penso che poi ci fu qualche licenziamento lì a Loving.">>

David Titlow (Vice.com)





<<I Crass volevano cambiare il mondo, e per certi aspetti ci siamo riusciti, ma non quanto avevamo programmato. Volevamo mettere in crisi le istituzioni principali dello Stato e tutto ciò che esse rappresentano. Ci siamo spinti molto oltre per farlo. La spacconata rock’n’roll di suonare in un gruppo è stato solo il punto di partenza.

Quello che abbiamo fatto come attivisti politici è stato molto più importante della musica. Abbiamo sempre cercato di andare oltre l’essere un semplice gruppo. Nella nostra storia abbiamo avuto incontri e scontri di tutti i generi: la Baader-Meinhof, il KGB, la CIA, l’IRA, il MI6, Margaret Thatcher. Fate voi un nome, hanno provato tutti ad attaccarci. Se paragoni le nostre attività con il fare i coglioni su un palcoscenico ti rendi conto di quanto eravamo avanti. Alla fine per noi le performance erano qualcosa di secondario.

Il punk finito nelle mani dell’industria dello spettacolo è una farsa totalmente insensata. Non significa niente. Va be', il rock’n’roll può essere divertente, può farti passare una bella serata, ma che cosa c’entra con il punk? Tutti questi gruppi punk ripuliti e le loro etichette che li vendono come punk vanno benissimo se vuoi divertirti un po’ e fare due salti, ma è inconcepibile che questo abbia qualcosa a che fare con il vero spirito del punk. Il punk era uno stile di vita, non una moda pop.>>
Penny Rimbaud