02/10/13

Lettere: Charles Bukowski e Ernesto Che Guevara


Nel 1969 , l'editore John Martin propose a Charles Bukowski un vitalizio di $ 100 al mese per il resto della sua vita, ad una condizione: che abbandonasse il suo lavoro presso l'ufficio postale per dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. 49 anni, Bukowski accettò di buon grado, e nel 1971 il suo primo romanzo , Post Office , fu pubblicato da Martin Black per la Sparrow Press . 15 anni dopo, Bukowski scrisse la seguente lettera a Martin, esprimendo la sua gioia e gratidudine per essere sfuggito a quel lavoro a tempo pieno così ben descritto nel suo primo romanzo..

Persone semplicemente svuotate..

8-12-86

Ciao John :
Grazie per la tua bella lettera . Non credo che faccia male , a volte,  ricordare da dove si viene. Tu conosci i luoghi da dove vengo. Anche le persone che cercano di scrivere  o fare film su questo, non riescono a farlo in modo giusto. Lo chiamano " 9 a 5 . " (Buck parla dell'orario di lavoro alle poste, dalle 9 di mattina alle 5 di sera..) Ma non è mai 9-5 , non c'è nessuna pausa per il pranzo e alla fine,  molti dei lavoratori , per mantenersi  il  posto  rinuncia alla pausa. Poi ci sono gli straordinari, che non vengono mai registrati e se ti lamenti, c'è sempre un altro fottuto pronto a prendere il tuo posto .

Tu conosci il mio vecchio detto, " La schiavitù non è mai stata abolita , è stato solo ampliato per includere tutti i colori . "

Ciò che fa male è la sempre più e costante  diminuzione di coloro che lottano per mantenere un posto di lavoro in condizioni decenti, e hanno sempre più la paura. La gente semplicemente si svuota . Sono solo corpi con menti impaurite e obbedienti . Gl'occhi non hanno più colore. Hanno una voce brutta e minacciosa. E il corpo. I capelli. Le unghie . Le scarpe . Tutto ciò va in quella direzione..
Da giovane non riuscivo a credere che le persone possano cedere la loro vita oltre a queste condizioni . Da vecchio, non riesco ancora a crederci. Cosa fanno? Sesso?  La TV? Un'automobile a rate ? O i figli? Bambini che faranno le stesse cose che hanno fatto loro?
All'inizio, quando ero molto giovane e passavo da un lavoro all'altro, ero anche abbastanza stupido a volte, a dire ai miei compagni di lavoro : " Ehi , il capo può venire qui , in qualsiasi momento e buttarci tutti  fuori , proprio così , non riuscite a capire? "
Bastava che guardassero me.  Ero qualcosa che proprio non volevano far entrare nelle loro menti.
Ora, ci sono vasti licenziamenti ,  centinaia di migliaia di persone sono tagliate fuori e i  loro volti sono storditi:

"Ho 35 anni ... "  "Non è giusto ... " "Non so cosa fare ... "

Essi non pagano mai abbastanza gli schiavi in modo che essi possano essere liberi , o appena in modo sufficiente da sentirsi vivi e poter tornare a lavorare. Ho visto tutto questo. Perché non possono? Allora ho pensato che la panchina  o  essere un ubriacone fosse altrettando cosa buona. Perché non ci sono arrivati prima di me? Perché aspettare ? Ho appena scritto con disgusto contro tutto ciò, è stato un sollievo per me, buttar fuori la merda fuori dal mio sistema . E ora che sono qui , un cosiddetto scrittore professionista , a tanti anni di distanza e dopo aver dato via i primi 50 anni della mia vita,  ho scoperto che ci sono tante altre cose disgustose.. Ricordo che una volta, lavorando come imballatore per un azienda di  lampade di illuminazione, uno degli operai improvvisamente ha eslamato: " Non sarò mai libero!"
Uno dei capi che passava di lì ( il suo nome era Morrie )  si lasciò sfuggire una deliziosa risata, godendo del fatto che questo tizio sarebbe stato intrappolato per tutta la vita . Così , ho avuto la fortuna  finalmente di uscire da questi posti , non importa quanto tempo ho impiegato, e questo mi ha dato una specie di gioia , la gioia del miracolo . Ora scrivo da uomo vecchio, con la mente e il corpo di un vecchio, in un  tempo in cui la maggior parte degli uomini  mai avrebbero pensato di poter fare una cosa del genere , ma il fatto di aver iniziato così tardi  lo devo solo a me stesso , e quando le parole iniziano a vacillare e devo essere aiutato per arrivare alle scale e non riesco più a distinguere un uccello azzurro da una graffetta , riesco ancora a ricordare,  non importa quanto lontano siano i tempi  (...)
Per non avere del tutto sprecato la  vita, questo sembra essere un degno compimento , anche se solo per me stesso .
il tuo ragazzo,
Hank


Crescere come buoni Rivoluzionari..


Argentino di nascita, nel 1955 Che Guevara incontra Fidel Castro e rapidamente si unisce alla rivoluzione cubana per cacciare Fulgencio Batista, feroce e corrotto dittatore dell'isola con la complicità e l'appoggio statunitense e della mafia americana. Una rivoluzione nella quale egli avrebbe continuato a svolgere un ruolo importante fino a diventare ministro delle Finanze sotto il governo di Castro . Dal 1965 , Guevara cercò di diffondere le idee rivoluzionarie che portarono Cuba alla libertà: in Congo, addestrando le forze ribelli nella zona , poi in Bolivia , dove fu infine catturato dall'esercito e assassinato su ordine del presidente René Barrientos .Prima di partire per la Bolivia , Guevara lasciò una lettera a sua moglie , lettera che doveva essere letta ai suoi cinque figli , in caso di morte , e una lettera simile solo per la sua figlia maggiore, Hilda .

1965

Per i miei figli
Cari Hildita , Aleidita , Camilo , Celia , ed Ernesto ,
Se avete ricevuto e state leggendo questa lettera , sarà perché non sono più con voi . Voi praticamente non vi ricordate di me, e  quelle più piccole di voi non mi ricorderanno affatto. Vostro padre è stato un uomo che ha agito in nome delle sue convinzioni ed certamente è stato fedele a queste convinzioni . Crescete come buoni rivoluzionari . Studiate duro in modo da poter padroneggiare la tecnologia , che ci permette di dominare la natura . Ricordate che la rivoluzione è ciò che è importante, e ciascuno di noi , da solo, non vale niente .

Soprattutto , siate sempre capaci di sentire profondamente qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque , in qualsiasi parte del mondo . Questa è la qualità più bella di un rivoluzionario .
Fino a quando e per sempre,  miei figli, spero ancora di vedervi . Un grande bacio e un grande abbraccio da
Papà

--------------------
15 febbraio. 1966
Carissima Hildita ,
Ti scrivo ora, anche se riceverai questa lettera molto più tardi . Ma voglio che tu sappia che ti sto pensando,  e spero che il tuo sia davvero un felice compleanno . Sei quasi una donna ormai, e non posso scriverti come scrivo per i più piccoli , dicendo loro cose stupide o piccole bugie. Devi sapere che  sono ancora molto lontano e starò via per un bel pò di tempo,  per lottare,  per quel che posso, contro i nostri nemici . Non che sia una grande cosa, ma sto facendo qualcosa , e penso che sarai sempre orgogliosa di tuo padre , come io lo sono di te.

Ricordati, ci sono molti anni di lotta per il futuro, e anche quando si è donna , si dovrà fare la propria parte nella lotta. Nel frattempo , è necessario prepararsi , essere rivoluzionaria, che alla tua età vuol dire imparare molto , il più possibile , e di essere sempre pronti a sostenere cause giuste . Inoltre , obbedire a tua madre, perchè credo che non si possa sapere tutto, troppo presto . Questo, accadrà nel tempo . Si deve lottare per essere sempre tra i migliori a scuola. Il migliore in tutti i sensi , e sai già che cosa significa ; studio e atteggiamento rivoluzionario . In altre parole : buona condotta, serietà , amore per la rivoluzione , cameratismo , ecc.. Non ero così alla tua età , ma vivevo in una società diversa , in cui l'uomo era nemico dell'uomo . Ora avete il privilegio di vivere in un'altra epoca e devi esserne degna. Non dimenticare di  tenere d'occhio gli altri bambini e consigliare loro di studiare e comportarsi bene . Soprattutto Aleldita , che presta molta attenzione a te, come  sorella maggiore .
Va bene , signorina. Anche in questo caso spero che tu sia molto felice per il tuo compleanno . Da un abbraccio a tua madre e uno a Gina . Ne do uno a te grande e forte,  che possa durare a lungo, fino a rivederci .
Il tuo papà

via Letter of note