09/12/12

Piccolo Dizionario Psichedelico

( PER SOPRAVVIVERE ALLE FESTE NATALIZIE )


"CHI FA DI SE STESSO UNA BESTIA SI SBARAZZA DELLA PENA DI ESSERE UN UOMO"
Dr Johnson

Accutron Bulova
In quanto primo orologio al quarzo, ancorché' con strumentazione analogica, veniva reclamizzato come "L'orologio dell'era spaziale". Non c'entra nulla, ma chi ha nostalgia dell'Era Spaziale si legga il racconto "Il continuum di Gernsback" di William Gibson, nella raccolta "La notte in cui bruciammo Chrome.
(E. Nesi)

Altamont
Luogo del famigerato concerto "nero", segnato dal primo grave incidente della storia del rock. Era il 6 Dicembre del 1969, a pochi mesi dalla sbronza pacifista di Woodstock, e i Rolling Stones suonavano, ebbri e spensierati, dopo aver incautamente affidato il servizio d'ordine ai duri Hell's Angels, angeli sì, ma dell'inferno, i quali di fronte agli scalmanamenti di rito del pubblico che si agitava sotto il palco, decisero di passare alle maniere forti. Il concerto era stato pubblicizzato come "il regalo di Natale degli Stones alla gioventù americana", ma si trasformò in un incubo. Mentre Jagger, manco a farlo apposta, cantava Simphaty for the Devil, gli "angeli" credettero di vedere un giovane nero che estraeva una pistola, o almeno così dichiararono in tribunale. Sta di fatto che la pistola non è mai venuta fuori e il giovane Meredith Hunter fu fatto a pezzi. Gli assassini sono rimasti impuniti..
(G.Castaldo)
Arbukle Fatty Comico degli anni Venti, fu il primo a scritturare Buster Keaton. La sua carriera fu travolta nel 1921 dal primo grande scandalo del cinema americano: fu accusato di avere selvaggiamente violentato durante una festa una giovane donna che in seguito morì di perforazione. Sebbene nulla poté' essere realmente provato, e nonostante tre successive assoluzioni, non riuscì mai più a lavorare nel cinema.
(S.V.)

Back Door Beauty
Alla lettera: "Bellezza della porta di servizio", liberamente tradotto come "Bonazza da sveltina". L'allusione è anche al coito anale, che è un topos del gergo porno, e infatti esiste un film, (un cult) direttamente intitolato Back Door Beauties.
(S.Veronesi)

Ballantine Ale
Le due lattine di birra in bronzo dipinte da Jasper Johns nel 1960, nei primi anni della pop art, erano B.A. "C'è una storia dietro le mie lattine di birra. A quei tempi facevo delle sculture di piccoli oggetti - torce elettriche, lampadine. Poi sentii dire che, per qualche ragione, William De Kooning era infuriato con il mio gallerista, Leo Castelli, e aveva detto:" Quel figlio di puttana riuscirebbe a vendere anche due lattine di birra!" Allora pensai: che scultura! Due lattine di birra! Mi sembrò che fosse perfettamente in linea con il mio lavoro e allora le scolpii - e Leo le vendette.
(E.Nesi)

Sonny Barger
Capo della banda di motociclisti,gli Hell's Angels. Nel suo libro The Electric Kool Aid Acid Test, Tom Wolfe descrive l'incontro di Barger e la sua banda con Ken Kesey e i Merry Pranksters (una festa che duro' due giorni), in cui i teppisti presero per la prima volta l'LSD. Barger ea già il capo nel 1969, quando gli Angels fecero da guardia del corpo ai Rolling Stones ad Altamont. Per una combinazione del destino Barger lavora ancora e tutt'oggi nell'ambito della sicurezza per i concerti rock. Per maggiori informazioni su di lui e tutta la vicenda degli Hell's procurarsi il libro che diede fama a Hunter S. Thompson.
(J.Satriano)

Boody Mary
Ci sembra inadatto sia allo status di aperitivo sia a quello di cocktail da dopo cena. Forse come cocktail da pomeriggio, ma in occasioni e luoghi del tutto particolari, e richiedenti..sostanze. Le proporzioni sono variabili, ma in genere si tratta di sei parti di succo di pomodoro,quattro parti di vodka, e poi gocce di Worcestershire, tabasco, sale, pepe.
(E.N.)

Chicago
Pezzo politico di Graham Nash dedicato ai violenti disordini durante la convenzione democratica di Chicago del 1968 e al conseguente processo-farsa al leader delle pantere nere Bobby Seale. Il pezzo compare nel celebre album doppio Four Way Street, registrato dal vivo con David Crosby, Stephen Stills e Neil Young. "Questa canzone è dedicata a Mister Daley." / Benché' tuo fratello sia legato e imbavagliato/ E lo abbiamo incatenato alla sedia/ Vieni a Chicago/ Solo per cantare/ In un paese conosciuto nel nome della libertà/ .. / Uomini politici, restate seduti/ Non c’è niente per voi, qui / Vieni a Chicago/ E unisciti agli altri / Noi possiamo cambiare il mondo, riordinare il mondo / Sta morendo- se credi nella giustizia / se credi nella libertà / Lascia che l'uomo viva la propria vita/ Ordine e regole, chi ne ha bisogno? / Aprite la porta / In qualche modo la gente deve essere libera../
(S.V.)


Eldridge Cleaver
Leader del gruppo clandestino dei Weatherman che la notte del 13 dicembre del 1970 fece fuggire Timothy Leary dalla prigione di San Louis Obispo, per poi farlo riparare in Algeria, dove già Cleaver si trovava in esilio. L'incontro/scontro tra i due fu tragicomico, nonostante fossero amici, infatti, rappresentavano due mondi antitetici: l'uno la politica nera, l'altro, intriso ancora nell'aspirazione psichedelica. Esistono varie versioni della stessa storia: la versione di Leary, nel suo libro "La fuga", quella di Cleaver e infine quella del giornalista del Village Voice Mike Swerin che fece da tramite tra i due in quei giorni burrascosi. Cleaver scrisse "Soul on Ice", libro in cui narra le sue esperienze carcerarie. Dopo una sparatoria a Oakland nel '68, per evitare un’altra condanna fuggì prima a Cuba, poi in Algeria. Visse a Parigi,poi tornò negli Usa, dove venne arrestato e liberato poco dopo. Al suo ritorno fece professione di anticomunismo, si stabilì a S. Francisco, raccogliendo lattine e vetro per sopravvivere.
(J.S.)

Cool
Una suggestiva definizione di Cool utilizzato nel gergo junkie viene data dal grande Alex Trocchi nel suo cult "Il libro di Caino": ..è che la percezione si dirige verso l'interno,le palpebre scendono, il sangue è consapevole di se', una lenta fosforescenza nel tessuto di carne e nervi e ossa. E' che l'organismo conquista la sensazione d'essere intatto e resistente, e soprattutto inviolabile. Per l'atteggiamento che deriva da questa sensazione d’inviolabilità alcuni americani hanno usato la parola “cool”..
(S.V.)

Death Valley
Quaranta gradi minimo, in qualunque giorno dell'anno. Agli americani piace pensare che è vagamente pericoloso attraversarla, perché' se ti si ferma la macchina e non hai una ventina di lattine di coca puoi anche rimanerci secco. Comunque: asfalto, deserto, Zabriskie Point,rovi che rotolano e tutte quelle cose li. Con una musica giusta nell'autoradio, può diventare una cosa che poi racconti.
(A.B.)

DDMT
Dopamina Stardust. Super tranquillante per pachidermi.
(A.Lt.)

Drifter
Nobile parola dalla doppia anima, che, come Junkie, da un originario campo semantico di natura nautica (peschereccio per la pesca a traino) si è evoluto in chiave socio-antropologica dopo essere stato adottato dalla sottocultura americana della droga e della piccola criminalità. La sua traduzione più verosimile, in questo senso, sarebbe "sbandato", e meglio ancora "colui che va alla deriva", perché' è proprio questo il senso.
(S.V.)

Etere
Anestetico. Si assume per inalazione. Come l'alcol, l'etere provoca un'iniziale sensazione di euforia cui segue uno stato d’incoscienza. E' molto usato durante il carnevale in Brasile, mentre negli anni '30 in Italia e in Francia, durante festini cosiddetti eteri, con l'Etere s’irroravano le alcove, per favorire il sesso di gruppo. Viene spesso usato in sinergia con la cocaina. Nei ghetti urbani delle grandi metropoli i giovanissimi hanno sostituito lo stordimento da etere con quello derivante dall'inalazione di mastici e collanti, molto più pericolosi e spesso mortali.
(A.Lt.)

Filmore Auditorium
In Filmore Avenue, S.Francisco. Speciale santuario notturno che dal 1963 al 1966 ospitò i settimanali Acid/Test o Be In, organizzati da Tim Leary e Ken Kesey. Con abbondante sottofondo di Acid rock, illuminazione stroboscopica e distribuzione di controllata di Lsd,ospitò migliaia di ragazzi/e che non solo espansero la loro mente, ma pure il proprio chilometraggio, essendo il viaggio un ingrediente fisso di chi professò e predicò la rivoluzione psichedelica. Ken Kesey mise le ruote direttamente agli acid test,viaggiando con tutto l'occorrente su e giù per l' America a bordo del celebre Magic Bus, con Neil Cassidy al volante.
(P.C.)

Surrealistic Pillow
Ancora un’evidente dicharazionc d'amore alla droga. Fu il primo vero album dei Jefferson Airplane, acceso, rivoluzionario e psichedelico fino all’aperta ribellione, ancora alieno dai formalismi californiani dcgli anni successivi. Fu l'album dal quale emerse la voce, per quei tempi conturbante e indomabile di Grace Slick, prima temibile regina del rock a non scntirsi vittima di alcunché. 
(G.C.)

Freak
Tre voci dall'immenso dizionario del morto e del diverso: 1- Il disco di Frank Zappa Freak Out (verve 1966) 2- Il famoso film di Tod Browning sui mostri da circo che si ribellano (Freaks 1932) 3- Sballato, schizzato, sconvoltone etc..
(E.Albinari)

Gonzo
Bizzarro. E nulla a che vedere col significato che in Italia si da' alla parola. Semmai il contrario, qualcosa di simile a ciò che in Toscana s'intende quando si dice ganzo nel suo significato più esteso di paraculo. La data della nascita della parola è l'anno di pubblicazione di Paura e disgusto a Las Vegas di Hunter S. Thompson, che comparve in due puntate su Rolling Stone nel 1971. Thompson utilizzava lo pseudonimo di Doctor G. e i suoi reportage fecero decollare definitivamente il concetto di G. journalism.
(S.V.)

Gresears
Ragazzi bianchi proletari delle grandi città, con atteggiamenti teppistici. Veniva usato anche come termine spregiativo rivolto a italiani e messicani, dato che grease è letteralmente "il grasso" e i greasers sarebbero "gli unti". Diventato famoso grazie a John Travolta che era un greaser nel musical Grease.
(J.S.)

Hell's Angels
Angeli dell'inferno. La più famosa banda di greasers motorizzati di tutta la costa occidentale fin dai primi anni sessanta. (Altre bande: Satan's Slavers, Diablos, Road Rats, Coffin Cheaters). La loro principale attività consisteva nel terrorizzare gli automobilisti lungo le autostrade americane. Violenti e ribelli, ma conformisti nell'intimo, i tentativi di farli confluire nella contestazione studentesca fallirono ripetutamente, fino a sfociare nei sanguinosi incidenti del 16 ottobre 1965, quando gli Angels attaccarono i diecimila dimostranti pacifisti che marciavano da Berckley a Oakland contro la guerra in Vietnam, al grido di traditori, comunisti, e beatnik. Pochi giorni dopo indirizzarono un telegramma al presidente Johnson, offrendosi come volontari per un gruppo speciale d'assalto da inviare dietro le linee nemiche allo scopo di demoralizzare i Vietcong e servire la causa della "liberta'". Il presidente non accettò. Da quel momento cominciò il loro declino, sebbene di tanto in tanto la cronaca nera si sia trovata a doverne riparlare, soprattutto per i fatti di Altamont (1969) e di Bridgeport, nel Connecticut, quando ammazzarono un portoricano. Ma erano eccezioni. Sostanzialmente, da allora, gli H.A. si sono limitati a confluire ogni maggio a Sonora sui loro chopper, in occasione della fiera della contea di Calaveras e del Giubileo della Rana Salterina, sebbene nessuno abbia mai saputo perché' fossero così attratti da questi due eventi. Chiaramente Hell's Angels è anche il titolo dell'opera di Hunter S. Thompson, che gli regalò la celebrità, in cui ha raccontato la vita degli Angels dopo essersi infiltrato tra loro per conto della rivista The Nation e averli accompagnati per mesi nei loro giri, fino al giorno in cui gli hanno tagliato la gola abbandonandolo mezzo morto davanti ad un ospedale.
(S.V.)

Mescalina 
Allucinogcno. Alcaloide del fungo che si sviluppa ncll'Alnhalonium lewinii, pianta cactacea a forma di zucca e di colorc grigiastro, che cresce sugli altipiani descrtici del nord del Messico c dcll’estrcmo sud degli USA. Da secoli la M. è parte integrante dei rituali sacri e sciamanici delle culture amerinde. Ncl Paese dei Tarahumara, Antonin Artaud descrive il particolare rapporto che lega gli indios amerindi al cactus peyotl: “... li raccolgono con grande cura per non rnaltrattarli, altrimenti si adirerebbero e si vendicherebbero facendoli impazzire o cadere nei precipizi. I cactus vengono disposti in sacchi separati, a seconda dclla grandczza. Dio del cactus é Hikuri, un dio rumoroso che quando viene messo nel sacco canta.
Il rumore è tale che difficilmente riesce a dormire colui che utilizzi come guanciale un sacoo pieno di Hikuri.” Oltre che da Artaud, in lettcratura la M. é stata trattata da Henry Michaux, Aldous Huxley, Allen Ginsberg, ]ack Kerouac, William Burroughs. Per gli effetti psicotropi della M. vcdi quelli dell’LSD. Stando al giudizio dei consumatori, lo sballo da M. é pù mellow e meno rischioso di quello dell’L.SD, in quanto quesc’ultimo é di derivazionc chimica, e quindi il suo impatto sul|'organismo é più tossico. In Europa la M. é reperibile quasi esclusivamente a Valencia. Nella Goa degli anni Scssanta circolava la figura leggendaria di Mescalina Bobby, gran liofilizzatore di M. e fornitore della materia prima degli acid punch (beveroni a base di succo d’arancia e M.), consumati a litri durantc i full-moon parties, feste che si svolgevano sulla spiaggia dal tramonto all’alba.
(A.LT.)

Timothy Leary 
Per tutti “Tim”, o anche “il Dottore”, padre della cultura psichedelica. lrlandese, harvardiano (con Richard Alpert e Ralph Metzner), cadetto a West Point, bianco di capelli e arcobaleno di Fururo. Definito da Richard Nixon: “L’uomo piu pericoloso d’America”. Fu iniziato all’LSD da Michael Hollingshead, medico dell’Agora Scientific Trust (anno 1962), e subito dopo cacciato dall’univetsità, cosa che lui accettò con un'alzata di spalle: “L’LSD é molto piu importante di Harvard.”
Teorico dclla “quinta libertà, quella "interiore”, iniziò (e non concluse mai) i suoi viaggi sull’onda della psichedelia, e poi su quella di Internet, dove nel 1995 ha aperto il suo sito Web — che poi corrispondeva alla sua casa di Beverly Hills — in attesa della morte per la progressione del cancro alla prostata (“Non e meraviglioso?”), che lo ha consumato in poco più di un anno. Lo spettacolo della (propria) morte gli ha assorbito energie e desideri: “Chi muore di morte naturale non è che l’ennesima vittima del suicidio collettivo amministrato dallo stato. Il modo in cui scegli di morire ha invece conseguenze spirituali molto più grandi del modo in cui hai vissuto.”
Avvolto da nebbiosa mitologia, celebrato in decine di romanzi, saggi, viaggi estatici, musica, diari, testimonianze, ha spartito vita e miracoli con (quasi) tutti gli eroi della tripla generazione lisergica, William S. Burroughs, Aldous Huxley, Herry Garcia, Ken Kesey, Neal Cassidy, Albert Hoffmann, Allen Ginsberg, Charlie Mingus. Vita, com’è ovvio, assai avventurosa. Parecchi guai con la giustizia.
Condannato a sette anni di prigione per detenzione. Evaso dal penitenziario di San Luis Obispo, issandosi prima sui tetti e poi calandosi aggrappato ai cavi telefonici.
Al di del muro di cinta la terza moglie Rosemary Woodruf, col motore acceso c una via di fuga in Messico. Poi Africa, poi Europa. Infine di nuovo Stati Uniti, 1979, libcrtà provvisoria, come dcl rcsto scmpre, essendo provvisoria, per Leary, l'intera vita terrena. “Solo l'illuminazionc apre alla percezionc di ciò che non muta, il grande spirito, non scnsibile al tempo, allo spazio, alla noia.” La sua chiave spirituale, a partire dal Libro dei Morti tibetano, transitò per India e Messico, sovrapponendosi al movimento hippy, e dunque anche Vietnam, pacifismo e rivolta studentesca, anno 1967 e seguenti, passando per gli scontri alla convention democratica di Chicago e ai raduni ncl’East Village di New York. Ncl suo Manuale sull'uso dell ’LSD ha scritto: “Un'esperienza psichedclica, nella sua successione di morte e rinascita, é molto simile al momento del trapasso.” E' da questo punto di vista, l'attesa finale che Leary ha voluto affidare al cyberspazio - sebbene in casa ultra borghese con quarta moglie e parecchi discepoli — non é altro che l’estremo Acid Test messo in scena sul palcoscenico del (nuovo) mondo. Quel mondo dal quale é venuto a mancare il 31 maggio del 1996.
(P.Corrias)

Speed
L’effetto è di una folgorante brutalità; il flash o il rush sono immediati: il soggetto prova una sensazione acuta e repentina di piacere (é per questo che gli americani chiamano queste droghe S.) e raggiunge uno stato di ipereccitazione e di potenza; talora il desidcrio di dormire svanisce per giorni. Il bisogno di assunzione di queste droghe arriva presto al parossismo: un’interruzione improvvisa del “trattamcnto” causerebbe il classico down, con altrettanto repentina esplosione della stanchczza fin lì evasa. L’abuso di amfetamina determina un’intensa dipendenza, stati paranoici, attacchi di aggressività violenta, follia. A Goa era famoso tal Aleandro, parente del re di Spagna, che si strafaceva di amfetamina perché “amava la paranoia”: quando era bello imbottito si muniva di mazza da baseball e, accompagnato dal nipote Alcandrito, suo mite assistente, montava in sella alla potente Enfielel e andava sulla spiaggia di Anjuna a far strage di noci di cocco, che gli apparivano come teste di militi della Guardia Civil in assetto antisommossa, venuti a prendcrlo per riportarlo in Spagna. Aleandrito smise di accompagnarlo quando Alcandro, durante una di questc partite, disse che uno degli ultimi cocchi che aveva stcrminato gli somigliava moltissimo. Le amfetamine erano passate di moda, ma oggi sono di nuovo in voga grazie al prezzo accessibile e alla facile rcpcribilità, e consentono di vivere intcnsamente dei lunghissimi dance-weekend senza mai andare a dormire.
(A.Lo Turco)

Sympathy for the Devil
Sccondo Jagger/ Richards, il diavolo sarebbe responsabile della morte di Gesù, dei Kennedy e di Anastasia Romanov. O almcno si trovava da quelle parti quando accadde ed era benvestito, ironico - un signore rispettabile che riscuote tuttc le nostre simpatie perché ragiona proprio come noi. Umanità del diavolo, allora, piuttosto che satanismo d’epoca degli Stones. Tra le cose memorabili della canzone, l'elcgante linea di congas e il coretto (“Uuuh-uuuh”) che l'accompagnano fino alla fine, poi il film destrutturato che ne trasse Jean-Luc Godard, con le Pantere Nere ecc. - roba che passa in TV allc tre di notte, quando gli occhi dubitano, e sembra un incubo, e in effetti lo è. 
(E.A.)

Interstate 15
L’autostrada da Los Angeles a Las Vegas. Intanto che ripassi il regolamento del black-jack, ti bevi cinque ore del deserto del Mojave (quattro se te ne freghi dei limiti di velocitò). Tappa d’obbligo: Colico, una città fantasma ricostruita da un mecenate pazzo che aveva il pallino del West. Se viaggi di notte, attraversi un niente nero per chilometri, poi d’improvviso fai una curva e vedi in lontananza una pozza di luce bestiale, come una prolungata esplosione. E' il confine col Nevada: due metri dopo è già deflagrazione di kilowatt e slot-machine. Fa schifo, ma quel che ti viene in mente é un espressione, bella e ormai inusabile: la Terra Promessa.
A.Baricco

Junkie
Nell'America del primo Novecento un cresccnte numero di poveri urbanizzati cominciarono a cercare usi diversi da quelli medicinali per le droghc più facilmeme reperibili, specialmente l'ultima arrivata, un derivato dell'oppio chiamato “eroina”.
A partire dagli anni Venti le autorità governative, allarmate da quello che ai loro occhi appariva come un incontrollata diffusione di un flagello collettivo, irrobustirono la legislazione e lanciarono una campagna per spazzare via il traffico e il possesso degli oppiacei, cannabis e cocaina. E' stato allora chc il terminc gergale junk -riferito ai narcotici, soprattutto all’eroina - è affiorato nel vocabolario del mondo altemativo. Originariamente termine nautico, riferito a vecchie cime o corde sfilacciate, il suo senso si è esteso nei secoli a intendere qualunque cosa di insignificante e senza senso, e la parola fu adottata in questo secolo dalla sottocultura americana per indicare beni rubati o di poco valore, specie gioielli. Da lì, con  l'inizio del proibizionismo, le droghe illegali furono incluse sotto l'ombrello semantico della parola - che con i suoi echi di oppio e di Oriente, nella formula “essere on the junk” può essere parsa un'applicazione particolarmente appropriata.
Quando William Burroughs fece di Junkie il titolo del resoconto autobiografico della sua dipendenza dall’eroina nel 1950, la parola (e naturalmeme la pratica) passò dal gergo codificato delle classi più basse alla storia della letteratura e a un uso culturale molto più ampio. Dalla Beat Generation degli anni Cinquanta in avanti la parola, con le sue proliferanti associazioni e i suoi significati che sembravano celebrare il nichilismo provocatorio e l'emarginazione sociale attribuiti al mondo della droga dal resto della societià, ha accompagnato il diffondersi dell’uso delle sostanze stupefacenti.
(S.Morgan)

LSD 
Dietilamide dell’acido lisergico. Costituisce il nucleo fondamentale degli alcaloidi della segala cornuta. Il 16 aprile 1943, il chimico svizzero Albert Hoffmann, mentre lavorava nel proprio laboratorio, venne preso da una sorta di delirio a base di visioni colorate; aveva appena tentato di purificare, mediante condensazione, l'acido D-lisergico: determinato a risalire alle cause dell’accaduto, tre giorni dopo inghiottì deliberatamente una dose minima della sostanza (250 mg). I sintomi furono ancora più intensi: aveva identificato l’agente responsabile di quell’effetto allucinogeno. Fu cosi che l’LSD entrò ufficialmente nella storia della droga - in compresse, capsule, gelatine, micropunte; su carta assorbente (blotter), francobolli, zollette di zucchero; ma anche, in casi tanto rari quanto letali, in vena - per condurre “viaggi” lunghi da sette a ventiquattrore, ma anche eterni, i cosiddetti bad trips. Sensazioni tipiche di un “viaggio”: allungamento degli arti, dilatazioni spazio temporali, alterazioni della percezione. “Un mucchio bianco di pietre s’ingrandisce, si alza ad altezze elevate e diviene una torre gotica coperta di grappoli di enormi gemme preziose e frutti trasparenti. Brillano le pietre, ora di verde, porpora, rosso, arancio, giallo cromo, blu. Un turbinio. Paiono tutte illuminate da una luce interna” (A. Rouhier-Gruppo Mandala, Essai sur l'expérience hallucinogéne).
Negli anni Sessanta l’LSD si diffuse tra i giovani americani: il turbamento psichico, sensoriale, affettivo della “droga dello spirito” produsse la psichedelia, la Flower Power Generation, gli Acid Freaks. ll movimento psichedelico ebbe il proprio vate lisergico in Timothy Leary. ll fenomeno esplodeva in tutto il mondo, influenzava la musica (Pink Floyd, Grateful Dead, Jefferson Airplane), il cinema (Chappaqua, Easy Rider, Zabriskie Point, Stati di Allucinazione), la letteratura (dopo il precursore Aldous Huxley, Ginsberg, Burroughs, Corso, Ferlinghetti), il teatro (Living Theater di Julian Beck e Judith Malina), le arti visive (Andy Warhol e la sua factory, Mario Schifano), la moda (Pierre Courreges, Mary Quant). Presto si manifestarono le prime avvisaglie di pericolo, di follia e paranoia. A parte quelli chc si rintanarono nei monasteri del Nepal o comunque in Orienre, l’acido non portò molta fortuna ai propri seguaci più assidui: ci fu chi morì, chi ne impazzì, ci fu chi per causa sua fini i propri giorni facendo film su Kennedy e Nixon. I vantaggi maggiori li ebbe la medicina, grazie alla sperimentazione selvaggia di un’intera generazione passata dagli acid parties ai corridoi dei manicomi.
Negli attuali anni di crisi dei vaiori nasce un movimento neopsichedelico, con i suoi riti, la sua musica, i suoi party e i suoi trip - molto piit leggeri di quelli d’antan, meno devastanti, ma sempre molto, molto colorati.
(A.Lo Turco.)

Lucy in the Sky with Diamonds
Lennon ha sempre negato che il pezzo, il terzo capitolo di Sergeant Pepper, fosse ispirato alle esperienze lisergiche. Quando gli fecero notare che le iniziali del titolo facevano proprio LSD, rispose che era un caso: la frase l’aveva pronunciata il figlio, commentando un disegno. II figlio era julian e l'attribuzione spiega forse i suoi scompensi da adulto. Ci risulta difficile mettere in dubbio le parole di Lennon, ma il testo della canzone (la più letterale e poetica descrizione di un trip mai musicata) non lascia molti dubbi. ll povero Julian non c’entrava per nicnte.
(G.Castaldo.)

2. Questa é la tracluzione del resto:
Immaginati su una barca lungo un fiume con alberi tangerini e cieli di marmellata./ 
Qualcuna ti chiama, tu rispondi lentammte, E una ragazza con occhi caleidoscopici Fiori di cellophane gialli e verdi torreggiano sulla tua testa./
Cercavi la ragazza col sole negli occh1i, e lei se nè già andata. Lucy nel cielo con diamanti./
Lucy nel cielo con diamanti. La segui sotto al ponte fino alla fontana dove il popolo dei cavalli a dondolo mangia dolcetti Marshmamallows Tutti sorridono mentre scivoli accanto ai fiori che crescono così straordinariamente alti./
Taxi di carta di giomale appaiono sulla spiaggia, aspettano di portarti via./ 
Ci sali sopra con la testa tra le nuvole, e te ne sei già andata. Lucy nel cielo con diamanti  Immaginati su un treno in una stazione con facchini di di plastilina che portavano cravatte che sembrano di vetro./ D’un tratto qualcuno é lì al cancelletto girvole, La ragazza con occhi caleidoscopici./
Fiori di cellophane gialli e verdi torreggiano sulla tua testa./
Cerchi la ragazza col sole negli occhi, e lei se nè già  andata. Lucy nel cielo con diamanti./ 
(S.V.)
Fate voi..

Metedrina
Amfetamina. Prodotto farmaceutico (compresse) della Wellcome. Toglie la sensazione di fame, di sete e di fatica, e consente di sopportare sforzi prolungati. Molto in auge fino agli anni Settanta, cioè fino a quando ne fu proibita la libera vendita in farmacia, veniva usata da guidatori (vedi i camionisti di Convoy di Sam Peckinpah), studenti sotto esame, sportivi e, controvoglia, cavalli da corsa. Forte anoressizzante, la M. veniva assunta come integrativo nelle cure dimagranti, a dosi massicce e quotidiane per periodi prolungati, che ben presto suscitavano le prime forme di tossicomania, con tutti i pericoli e i danni classici delle amfetamine.
Geoffrey, conghista newyorkese che aveva suonato con Tito Puente, si abbuffava di M. anche quando era solo in casa a provare. In una di queste occasioni senti bussare alla finestra: si voltò e vide al di là del vetro il volto di un passante che lo salutava; guardando meglio riconobbe il suo collega Paul; ricambio il saluto e continuo a suonare; dopo un pò, pensando che forse era il caso di aprire all’amico che non cessava di bussare, si avvicinò alla finestra, ma vide che il volto non era di Paul bensi di un poliziotto, tutt’altro che amichevole. Terrorizzato, Geoffrey si rintanò nel cesso, nella speranza che l'importuno prima o poi la piantasse. Solo dopo tre ore di terribile angoscia si ricordo di abitare al ventesimo piano di un grattacielo.
(A.LT.)

White Rabbit
1. Dal  citato Surrealistit Pillow dei Jefferson Airplane (1967), in pole position per. essere considerato come il primo pezzo esplicitamente riferito alla droga della storia del rock, e per “droga” intendiamo la lisergica magia dcll’“espansione delle coscienze”, ancora lontana dai lugubri fasti dell’eroina. Il “Coniglio Bianco” ovviamente era quello di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, adottato all’unanimità dalla generazione dei Sessanta come un inconsapevole ma audace precursore delle visioni celesti della rivoluzione.
(G.C.)
2. Ipnotico, breve e bellissimo inno alla psichedelia, composto e cantato da Grace Slick e dedicata al grande alchimista fabbricante di LSD Augustus Stanley Owsley III, che introdusse i Jefferson Airplane nel mondo distorto di Alice. Figura nella colonna sonora di molti film, tra cui, Platoon di Oliver Stone. Questa è la traduzione del testo:
Una pillola ti fià più largo e una Ti rende piccolo/ E quelle che ti dà la mamma in fondo non fanno nulla;/ Va’ a domandarlo ad Alice, quando è alta tre metri/ e vai a caccia di conigli e sai che sta per cadere./ Digli che un bruco che fumava il narghile ti ha chiamato. Chiama Alice, quando è dell'altezza giusta,/ Quamlo gli uomini della scacchiera si alzano e ti dicono dove andare,/ E tu hai appena preso qualche specie di fungo e la tua mente si muove piano,/ Va’ a domandarlo ad Alice, penso  che lei lo sappia,/ Quando logica e proporzioni cadono fradici e morte/ E il BiancoCavaliere parla alla rovescia/ E la Regina Rossa è lontana con la sua testa./ Ricorda cosa disse ilghiro: “Nutri la tua testa/ Nutri la tua testa/ Nutri della tua testa. ”

Popper
Amilnitrito o nitrito di amile. Medicazione d'emergenza per gli attacchi di angina pectoris. Liquido altamente volatile (e letale se ingerito), il Popper è contenuto in fiale o flaconcini di vetro e va inalato immediatamentc dopo l'apertura del contenitore. Lanciato negli anni Sessanta in tutto il mondo dalla comunità gay di San Francisco, é chiamato cosi per la sua meritata fama di potente stimolatore dell’orgasmo, e figura tra gli articoli più venduti nei sex-shop di Amsterdam. La potente scarica di adrenalina che si scatena nel corpo dope l'inalazione fa si che migliaia di gourmets si cimentino nel difficile sincronismo inalazione/orgasmo. I più modesti se ne stordiscono in discoteca, inalando a ritmo di tecno-house. L’abuso provoca forti mal di testa e scompensi cardiaci.
(A.LT.)

Grace Slick
Da qualche decennio la scrittura tenta di coglicre la “grana della voce”, di riprodurla sulla carta con complicate astuzie verbali, che normalmcntc si concludono con un’ammissione di impotcnza, perché la voce é già sempre nata prima della parola e sopravvive alla resa del senso. Morta la letteratura resterà un canto glorioso e primitivo. Qualcosa di molto simile a una guerra femminile combattuta a bocca chiusa eppure piena di suoni che vengono da un’interiorità su cui é meglio non indagare.
Slick é nella storia pop la voce più: intraducibile di tutte, e sbagliata, sbagliata proprio per il pop, che vive di somiglianze e repliche. Priva di tradizione, unica bianca a non imitate il ruggito nero, esce fuori dalla metrica a forza di allungare le vocali e raggiungc effetti selvaggi usando le risorse proprie di un soprano, il che fa pensare che per rovesciare qualcosa occorre che prima ci sia qualcosa da rovesciare, una dote, un lusso, come i vestiti buttati per terra da san Francesco. La natura é dunque il prodotto finale, non la causa, del ricercare - la natura é una droga sintetica. I metacorpi ignudi e le pseudo estasi californiane sono il punto estremo di una scienza pura, di cui la voce di Grace Slick rapprescnta più che l'accompagnamento, il metodo stesso, la meccanica. Vince anche quando le canzoni sono mediocri o brutte, le trapassa. Sotto l’involucro degli slogan pacifisti, quella é una dichiarazione di guerra permanente, ha il passo di sangue dell’inno marziale, ed é instancabilc, perché
almeno Ares dopo la fatica si addormcnta — Afrodite no.
(E.A.)




Hunter Stockton Thompson
Ecco l'incipt della nota biografica di Hunter S. Thompson contenuta nella prima edizione britannica di Paura e disgusto a Las vegas, Paladin, 1972: 
“Hunter S. T. é uno scrittorc free-lance e un politicante fallito di Woody Creek, Colorado, che ha cominciato a scrivere quando ha avuto bisogno di soldi per rianimare un poco il suo regime di vita. Fino a oggi i suoi lavori pubblicati sono stati pochi e radi - ma attualmente si sta rovinando la
salute nell'improbabile ruolo di corrispondente da Washington per Rolling Stone.
Alla metà degli anni Sessanta - dopo due anni trascorsi a Rio come corrispondente per il Sudamerica del National Observer - T. si é ritrovato profondamente coinvolto con la sottocultura della droga e della violenza ncll’area di San Francisco. E stato in questo pcriodo che ha scritto il suo malfamato classico Hell's Angels, Strange and Terrible Saga of the Outlaw Motorcycle Gangs..