04/11/14

Ebola: l'ignoranza e la disinformazione

Ebola è una malattia imprevedibile, spaventosa. Quasi 5.000 persone, nell'Africa Occidentale, sono morti dallo scoppio dell'epidemia e si pensa siano più di 13.000 quelli che hanno contratto il virus..
Tuttavia, fino ad ora il problema rimane in gran parte limitato in Liberia, Guinea e Sierra Leone. Altri due paesi, Nigeria e Senegal, hanno avuto casi, ma sono ora considerati fuori dal pericolo epidemia: paesi "Ebola free", nel gergo medico dell'Oms. La Repubblica Democratica del Congo ha avuto un focolaio di un ceppo diverso da Ebola e ora sembra che questo può essere contenuto. Vi è stato un caso in Mali, il paziente è deceduto ma non sono stati segnalati altri casi.

Nonostante evidenti limiti geografici, molti americani sembrano confusi: non siamo ancora al panico, ma la preoccupazione è tanta. In quale altro modo potremmo spiegare il caso dei due bambini ruandesi mandati a casa da una scuola nel New Jersey, nonostante il loro paese d'origine sia considerato "Ebola-free"? O le dimissioni forzate di un insegnante in Kentucky a causa di un suo viaggio in Kenya? O la cancellazione in massa di viaggi turistici in posti come il Kenya, Zimbabwe e Sud Africa? In Europa e in Italia iniziano a verificarsi casi simili.
Questi paesi non sono in nessun modo accostabili ai paesi dell'Africa occidentale in cui Ebola è in realtà un problema. Frustrato da questo, un chimico inglese che ha speso una notevole quantità di tempo nell' Africa sub-sahariana, ha deciso di mappare i paesi dove attualmente ci sono casi di Ebola. (sotto)

Anthony England ha una storia passata molto rilevanti in quelle zone. Ha organizzato conferenze scientifiche in Africa occidentale, con altri importanti ricercatori. Da parte nostra possiamo dire che l'epidemia di Ebola è la prova di come il mondo occidentale debba di prestare maggiore attenzione e guardare con un attenzione del tutto nuova a ciò che accade in Africa.

senza equivoci

"Ebola non ha una soluzione scientifica al momento. Ha avuto inizio in un villaggio molto povero", scrive "e alla fine il mondo ricco si renderà conto che non ha senso lasciarne una parte che lotta in condizioni di povertà estreme con infrastrutture nazionali in condizioni disastrose. Bisogna prendere atto di questo, e l'epidemia di Ebola può contribuire ad accellerare questa presa di coscienza." In definitiva, è la frustrazione che ha portato Anthony England a divulgare questa mappa e a condividerla sul suo account Twitter, che usa per aggiornare le informazioni relative a Ebola. Si è diffusa poi in tutta la rete, con il post iniziale "re-tweeted" centinaia di volte.

"L'ignoranza e la disinformazione è il problema maggiore per quanto riguarda il virus Ebola. Quindi l'espulsione di un insegnante solo perché è stato in Kenya è solo una idiozia. Ed è un idiozia che porta persone come Chris Christie a chiedere restrizioni senza senso, come l'attuazione di una quarantena che è anti-scientifica oltre che un idiozia. Ebola negli Stati Uniti sta diventando una farsa. "

Naturalmente, ci sono alcuni avvertimenti riguardo la mappa. La decisione di non includere il Mali o la Repubblica Democratica del Congo, nonostante non siano stati effettivamente dichiarati fuori dal rischio epidemia ha causato non poche critiche. "Il mondo ha bisogno di sapere che ci sono solo 3 paesi problematici" è stata la replica.
L'Africa è un continente vastissimo, e gli occidentali hanno difficoltà a capire la sua geografia. All'inizio di quest'anno, il Washington Post ha pubblicato un questionario on-line che chechiedeva ai lettori di individuare nazioni africane su una mappa del continente africano. (Potete mettervi alla prova quì) I risultati non sono stati incoraggianti: