04/01/15

Delay, riverberi, vinile rovinato: la Techno Dub

King Tubby e Lee 'Scratch' Perry probabilmente non avevano idea del tipo di eredità che stavano lasciando, mentre la loro produzione nasceva attraverso un polveroso mixer multicanale e un rack di effetti.

Da quei primi reggae 'dubs' (così chiamati perché erano registrati direttamente su nastro), quelle tracce cariche di effetti innovativi sono servite come fonte per una pletora di musicisti che ne hanno ricalcato le basi.. Siete in una rock band e siete annoiati, con le solite faticose sbuffate di chitarre? Non c'è da preoccuparsi, aggiungete un po di "Space Echo" e siete The Horrors!. Tuttavia è stato con la musica techno, che il dub ha trovato il suo sbocco naturale e le innovazioni più creative.



Techno Dub
Come sostiene Mark Ernestus, fu nei primi anni '90 quando quel suono cominciò ad emergere dal negozio di dischi Hard Wax, con le registrazioni di Dubplates & Mastering. Ernestus e Moritz von Oswald, a Berlino, iniziarono ad interessarsi alla nascente scena techno minimal che cominciava a farsi strada a Detroit, e dopo una sfilza di 12 ", i due produttori misero su l'etichetta Chain Reaction per incoraggiare il lavoro di altri produttori, e mentre molti di loro erano ancora con la Hard Wax (Monolake, Various Artists, Vainqueur etc) la Chain Reaction aprì la strada a quei suoni che erano in rapida crescita.

Suoni che presto si diffusero oltre la techno: Stefan Betke (aka Pole) ad esempio e la sua amatissima impronta Scape, prese le tecniche del dub di Tubby e Perry, lasciando le linee di basso apparentemente intatte e le applicarono ad un quadro più sperimentale. Allo stesso modo, Jan Jelinek le applicò al jazz e persino al Krautrock. Anche Ernestus e von Oswald voltarono le spalle alla techno, lavorando una serie di ottimi full-on con dischi reggae come Basic Channel, aka Maurizio e Rhythm & Sound. Essenzialmente, una declinazione ambient della musica techno con elementi tipici della musica dub, pesanti effetti di delay e riverbero, rumori sporchi di vinile rovinato, questo genere è in qualche modo sopravvissuto, e anche se molti dei suoi ideatori sono ormai inevitabilmente fuori scena, ci sono molti musicisti che ancora si dedicano alla techno dub. L'elenco che segue annovera alcuni dei migliori dischi del genere nel corso di due decenni, con alcuni classici e altri caduti mestamente nel dimenticatoio.


Maurizio
'Eleye'
(Maurizio, 1992)
'Ploy' stata la prima uscita del duo, nel 1992, di Maurizio (una collaborazione tra Mark Ernestus e Moritz von Oswald) . Eleye', è una nebulosa, bruciante fusione di echi e percussioni, anticipazione preveggente di quello che doveva arrivare.




Basic Channel
'Lyot rmx'
(Basic Channel, 1993)
Ipnotico, martellante techno minimal,' Lyot rmx '(che rielabora relativamente Lyot di Vainqueur') iniziò ad esporre il sound che avrebbe poi definito la dub-techno. I tamburi belting che hanno caratterizzato la traccia originale sono spinti in profondità nel mix e drappeggiati in un jingle di sintetizzatori e echi cavernosi. Ernestus e von Oswald volevano classificareLyot come techno minimal, ma non c'è nessuna influenza del dub qui.




Porter Ricks
'Nautical Dub'
(Chain Reaction, 1996)
Pioniere della musica Ambient, Thomas Koner e l'ingegnere Andy Mellwig crearono molto del materiale più importante del marchio, e la fusione delle trame musicali sapientemente manipolate di Koner con i battiti sub-acquatici di Mellwig furono un successo clamoroso. Incentrato su temi nautici, tutto il loro album di debutto Biocinetic sembra essere sommerso nelle profondità dell'oceano, e 'Nautical Dub' ne è probabilmente la migliore dimostrazione.





Rhytm & Sound
'Carrier'
(Rhythm & Sound, 1999)
In verità, la maggior parte dei leggendari 10 "e 12 s" del Rhythm & Sounds non sono effettivamente techno a tutti gli effetti. Erano infatti i tentativi di Ernestus e di von Oswal di rielaborare il reggae. Tuttavia, tornarono al loro sound martellante con una saturazione extra dei nastri, pieni di riverberi, rumori graffianti, puntine pesantissime sul giradischi..




Signer
‘Building Memories Without You’
(Car Park, 2002)
Forse l'album dub techno più spudoratamente emotivo di tutti i tempi, Low Light Dreams, di Bevan Smith dalla Nuova Zelanda Uno sfondo di inquietanti suoni strappalacrime e stringhe che non sarebbero assolutamente fuori luogo in un film di David Lynch. Con ‘Building Memories Without You’ è come sprofondare nelle sabbie mobili, mentre si è attaccati ad un batuffolo di cotone..




Brendon Moeller
‘Merry Go Round’
(Earsugar, 2006)
Raro come i denti di gallina, 'Merry Go Round' è apparso su una edizione limitata 7 "nel 2006 e già allora è stato quasi impossibile entrarne in possesso. Moeller ha ri-lavorato le piste con una performance vocale del poeta dub giamaicano Mutabaruka, ristampato poi come 'Wata (Deep Dub)' sotto il nome di Beat Pharmacy. Non è proprio la stessa cosa, qundi cercate l'originale dove si diletta nella distruzione di dub puro.




Yagya
‘Rigning Tvö’
(Sending Orbs, 2009)
‘Rigning' è la parola islandese per indicare la pioggia, quindi non sorprende che Aðalsteinn Guðmundsson ha completato la sua malinconica techno dub con una spessa campionatura di pioggia per il suo terzo album.




Mono Junk
‘Channel B’
(Trope Recordings, 1995)
Il produttore finlandese Kimmo Rapatti (aka Mono Junk) non è così noto come i suoi coetanei tedeschi, ma quando 'Channel B' uscì nel '95 non era certo meno influente. Per lo più calcando la mano aggressiva techno minimal, 'Canale B' ha dimostrato di poter battere il set di Berlino sul loro stesso piano.




Schizophrenia
‘Schizophrenia’
(NovaMute, 1995)
Un progetto di breve durata di Thomas Fehlmann e Moritz von Oswald, Schizofrenia su 12 " è un raro momento in cui si lasciano andare a capofitto dal luccicante mondo trance-lounge, alla forma dub techno originale. Splendida.




Burger/Ink
‘Twelve Miles High’
(Harvest, 1996)
L'influenza di Ernestus e von Oswald si stava diffondendo rapidamente dalla metà degli anni '90, e mentre Jörg Burger e Wolfgang Voigt non erano ancora completamente immersi nello Space Echo, 'Dodici Miles High' è un eccellente esempio di sperimentazione.




Dynamo
‘Killed By A Feedback’
(DIN, 1996)
Torsten Pröfrock è ancora una figura chiave della scena berlinese, e ha tenuto alta la scena oltre la Hard Wax per molti anni. Ha sperimentato con diverse denominazioni,, dalla Dynamo e Various Artists a T ++. E' stato uno dei primi - e ancora incredibilmente unico - a spingere il sound che stava diventando onnipresente nel sua città. Inconfondibili influenze di Prufrock (che avrebbe continuato ad esplorare in un secondo momento, come Space Break ) che davvero lo hanno distinto e reso unico dai suoi coetanei.