26/02/15

Interviste (Inspiegabilmente) ostili

Non bisogna mai prenderla sul piano personale. Forse il giornalista, o la persona incaricata di intervistare ha ricevuto informazioni sbagliate, forse è stato mandato..allo sbaraglio. Fatto sta che l'’intelligenza empatica degli artisti, la trama della loro vita intessuta di sogni e dolore, il loro modo speciale di infrangere e personalizzare le regole possono farci da “tutorial”. Il carisma è un muscolo da allenare: con perseveranza, spirito d’osservazione e dosi massicce di humour, doti che spesso le rockstar non posseggono. La cosa nelle interviste scatena domande a carattere personale e artistico che ... fermi a pensare, è uno degli elementi che manda fuori di testa le rockstar.
Certo è che gli arti­sti pop e rock hanno sem­pre avuto una certa avver­sione nei con­fronti dei media in genere ma..  ovvia­mente i gior­na­li­sti musi­cali, oggi meno influenti di una volta,  che un tempo erano in grado di deci­dere con un tratto di penna le for­tune di intere car­riere sono i bersagli preferiti. «Il gior­na­li­smo che si occupa di rock è fatto da gente che non sa scri­vere che inter­vi­sta gente che non sa par­lare, per gente che non sa leg­gere». Perla di saggezza immortale del solito Frank Zappa..

Prima di ingen­ti­lirsi can­tando con Kylie Mino­gue, Nick Cave era un tipo dav­vero poco rac­co­man­da­bile. E da cui girare alla larga. Almeno cosi sem­bre­rebbe dalla can­zone Scum (letame) uscita sull’album Your Fune­ral… My Trial. È una can­zone dell’odio in cui Cave elenca senza pietà una serie di per­so­naggi che odia e che descrive in modi irri­pe­ti­bili. Non manca un gior­na­li­sta reo, secondo il testo di aver scritto una «cat­tiva recen­sione». Nick non dimen­tica e pro­mette ven­detta: «Forse tu stai pen­sando che sia solo acqua pas­sata. Mio non-amico, io sono uno che si tiene il risen­ti­mento. Ti ho creato io, fot­tuto tra­di­tore, sega­iolo cro­nico… Da che buco sei spun­tato fuori Giuda, Bruto, Letame?»...
E' 1994 e il rocker australiano Nick Cave non sembra molto contento di esibirsi al Lollapalooza Festival. Fortunatamente, MTV ha avuto la lungimiranza di mettergli vicino degli amici rock star e affida l'intervista al frontman degli Smashing Pumpkins, Billy Corgan. Corgan gli chiede di come è stato invitato al festival: "Beh, il mio manager mi ha telefonato e mi ha detto che dovevo fare questa cosa." Inizia così, l'affascinante conversazione. Occhiali da sole e volto inespressivo, Cave risponde alla domanda successiva, poi visibilmente annoiato, e lamentando che ha già fatto questo "stessa intervista con MTV" chiede a Corgan se le domande sono le sue. Si potrebbe pensare se Cave, dopo alcuni decenni nel business della musica, non riesca a capire che fa parte dell'essere una celebrità rispondere alle stesse domande più volte, soprattutto quando si è in un grande evento sulla televisione nazionale. Il buon umore di Corgan non rende un buon servizio a se stesso, e erroneamente dice che la band di Cave è inglese!. In sua difesa, c'è solo il fatto che Cave si trasferì in Inghilterra molto presto dall'Australia, e che alcuni dei membri della sua band sono inglesi. Corgan si scusa, viene fuori il suo "livello di rispetto e di preparazione" ma questo fa solo irritare Cave . Conclude l'intervista dicendo a Corgan, allora 27 enne, che ha "la mentalità di un adolescente." Al poveretto era stato affidato un incarico ingrato, e dopo gli è toccata anche un intervista molto "impegnativa" con MCA dei Beastie Boys



Billy Bob Thornton, candidato all'Oscar per la sua interpretazione in Sling Blade (Lama Tagliente) da lui scritto e diretto nel 1996 di (ne poi ha vinto uno per la sceneggiatura). in questa intervista alla radio canadese con Jian Ghomeshi per promuovere la sua band, i Boxmasters, aveva messo in guardia i produttori dello show che assolutamente non avrebbe risposto a domande sulla sua carriera cinematografica. Thornton si adombra già con l'introduzione di Ghomeshi, in cui comprensibilmente fa riferimento ai suoi piani futuri nel cinema. Thornton fornisce solo risposte da cupo-adolescente, tutte le varianti di "Non so cosa intendi".. mentre gli altri Boxmasters sembrano soffrire molto la situazione.

Ghomeshi per un po' reindirizza le sue domande ai membri della band , ma ricade con Thorton nella grande errore: lui divaga parlando senza senso di una rivista a cui si era abbonato da bambino, Famous Monsters of Filmland. Ascoltarlo, è una straordinaria impresa di digressione. Thornton infine (si vede al 7° minuto..) esprime la sua frustrazione con Ghomeshi, che secondo lui suggerisce che la musica per lui è solo un hobby, e afferma che un intervistatore non avrebbe mai chiesto a Tom Petty se la musica fosse il suo primo amore. "Il mio primo amore è stato un pulcino di nome Lisa Cohen," dice impassibile, rispondendo una volta per tutte alla questione tanto dibattuta se Thornton avesse mai avuto una ragazza ebrea!. Il padrone di casa chiama una tregua di 10 minuti, e i due avversari zoppicando si avviano al traguardo. Nota a margine: le serie iniziali di Famous Monsters of Filmland, dagli anni '50 ai '60, vengono vendute su eBay per diverse centinaia di dollari. Non si sa se Thornton stia progettando di fare un film, e affidare la colonna sonora .. a se stesso.



Se pensavate che Billy Bob Thornton è stato sul passivo-aggressivo-taciturno nell'intervista di cui sopra, non è niente rispetto al leader della band islandese Sigur Ros, ospite del Bryant Park Project, un programma mattutino di notizie della NPR., nel 2007. Parla con Luke Burbank, anche se "parlare" è in questo caso un modo di dire, mentre i membri della band borbottano, ridono nervosamente nelle pause, e atrocemente, di tanto in tanto, sussurrano una parola o due, comportandosi come se stessero assistendo a un omicidio particolarmente raccapricciante. Immaginate la conversazione più tesa e nervosa che vi sia mai capitata, moltiplicatela per 10, e mettetela in onda in diretta radiofonica. Si potrebbe pensare che ci sia una barriera linguistica. Forse sono più a loro agio nel comunicare "Hopelandic," la lingua inventata che usano in alcune delle loro canzoni. Fino a quando Burbank chiede qualcosa sulla band, e uno di loro risponde "E' solo una fottuta stronzata .." (tutto censurato poi da NPR) .
L'intervista era così orribile che NPR ha poi fatto il suo mea-culpa, con Burbank che coraggiosamente chiede a un vero giornalista musicale di giudicare le sue abilità di intervistatore. Si fa notare, per esempio, che avrebbe dovuto mirare ai singoli membri invece della band nel suo insieme, facendo domande a cui hanno sempre dato risposte in altre occasioni e suscitando solo la loro irritabilità.
Per un colloquio meno imbarazzante, forse Burbank avrebbe dovuto intervistare l'amica e collega islandese della band, Bjork...




«Entri nella stanza con la matita in mano, vedi qual­cuno nudo e dici chi è quell’uomo? Ce la metti vera­mente tutta ma non capi­sci». Il Mr. Jones di cui canta Bob Dylan in que­sto brano tratto da High­way 61 Revi­si­ted è un po’ l’archetipo del gior­na­li­sta un po’ inge­nuo inca­pace di capire i cam­bia­menti del mondo che lo cir­conda. È anche diven­tato il sim­bolo di come i pro­ta­go­ni­sti della musica vedono cri­tici e repor­ter. Dylan che all’epoca era in pole­mica col mondo intero e dete­stava di cuore la stampa non rispar­mia iro­nie cau­sti­che: «Sta suc­ce­dendo qual­cosa qui ma tu non sai che cosa (…) dovrebbe esserci una legge per impe­dirti di andare in giro».
Il Tour di Bob Dylan del 1965 nel Regno Unito, catturato nel documentario Don't Look Back, l'americano dalla voce roca spende un sacco di tempo rilasciando interviste e pasticciando, a volte davvero goffamente, con la stampa insaziabile . Ma in una terribile discrepanza, la rivista Time diede incarico a Horace Judson, uno storico di biologia molecolare, di intervistare la voce della sua generazione. Il folksinger - un'etichetta che Bob ha sempre sdegnato - si lancia in un lungo, semi-articolato monologo sbraitante contro Time e la stampa mainstream in genere per spaccio di falsità. Sembra una matricola di un college che ha appena scoperto Noam Chomsky e torna a casa per la festa del Ringraziamento a raccontare la sua famiglia come questi sono disgustosamente borghesi . Judson rimane imperturbabile mentre Dylan è sempre più infiammato, si vanta di essere un buon cantante come il grande tenore italiano Enrico Caruso. "La mia opinione di allora e di oggi", ha poi detto Judson, che continuò a seguire Dylan nella sua esibizione di quella sera "è che la musica fu sgradevole, i testi gonfiati, e Dylan un auto-indulgente, piagnucolone esibizionista."