28/04/15

Odissea Elettronica. Prima dei Kraftwerk: 10 best '50 & '60

Non tutto è iniziato con i Kraftwerk. I grandi album di musica elettronica degli anni 1970, Tangerine Dream, Cluster, Klaus Schulze e il resto della squadra Krautrock più le sperimentazioni dei primi Cabaret Voltaire e Throbbing Gristle e, naturalmente, il meticoloso robot pop dei Kraftwerk hanno segnato gli anni più felici per l'elettronica in musica. Ma prima? Le cose tendono a diventare un po 'più nebbiose.

Esperimenti di musica elettronica si registrano in realtà a partire dal 1940 . Già dalla metà degli anni 1950, erano stati prodotti commercializzati e venduti LP elettronici, anche se a un pubblico abbastanza ristretto. Mezzo secolo dopo, molti di questi dischi ancora presentano un suono fantastico. Alcuni sono vere e proprie reliquie affascinanti con molto da dire all'ascoltatore contemporaneo; altri suonano incredibilmente in anticipo sui tempi.

La carrellata che presentiamo è limitata ad album di singoli artisti, niente compilation o raccolte. I nomi più importanti, quelli forse più facilmente associati al regno della "musica artistica" - Pierre Schaeffer, Pierre Henry eil gruppo GRM; Edgard Varèse; Karlheinz Stockhausen; Iannis Xenakis; James Tenney; Alvin Lucier; Luciano Berio e molti altri - sono rispettosamente messi da parte. Allo stesso modo, sono stati privileggiati album che hanno impiegato per primi nuovi strumenti (come il sintetizzatore) mentre anche alcuni album eccezionali (come il capolavoro di Terry Riley A Rainbow in Curved Air, o il Live di Steve Reich Electric Music ) e lavori che flirtano l'elettronica con il pop vengono omessi.



KID BALTAN & TOM DISSEVELT
The Fascinating World of Electronic Music
(Philips, 1959)

Alcuni utenti canny YouTube ha etichettato una traccia da l'affascinante mondo della musica elettronica come "acid house dal 1958", facendo segnare un quarto di milione di opinioni nel processo - e, come accade, non sono troppo lontano il denaro Kid Baltan è l'alias di artista olandese Dick Raaijmakers, un teorico culturale, compositore teatro musicale, docente e tecnico, la cui uscita enorme si estende in profondità nel 2000. Tom Dissevelt, nel frattempo, ha iniziato la sua vita musicale in big band e orchestre - una situazione simile a innovatori della prima ondata, come Raymond Scott, il cui lavoro come compositore apparso nei cartoni animati Looney Tunes, e vari membri della BBC Radiophonic Workshop.Raaijmakers e Dissevelt attraversato percorsi di lavoro al Royal Philips Electronics, il laboratorio con sede a Eindhoven, che sarebbe poi sfornare le prime cassette e compact disc. Lì, la coppia ha iniziato a produrre speculativa musica pop elettronica, costruito in toni oscillatore a strati e sorgenti sonore acustiche. Le loro fatiche hanno prodotto 'Song of the Second Moon' 1957 di - una traccia propulsiva basata su trattati rumori Ondes Martenot, e probabilmente il primo disco pop elettronico mai fatto.Baltan e Dissevelt della musica di questo periodo è stato rilasciato in numerose edizioni e in diverse forme, ma l'affascinante mondo della musica elettronica è la prima versione a tirare loro fine del 1950 composizioni sotto un unico tetto. I risultati - vertiginose, pezzi elettronici cinguettio, disposti come dipinti punti divisionista con uno spiccato senso del ritmo - sono ancora assassino. Sorprendentemente, gran parte di questi sono stati prodotti anche senza alcun tipo di tastiera o synth a portata di mano. Legacy Raaijmakers 'non è stato dimenticato - Thurston Moore e Mouse on Mars sono tra quelli ad aver reinterpretato la sua opera





WHITE NOISE
An Electric Storm
(Island, 1969)
Una tempesta elettrica fu l'album di debutto dei White Noise.
Icona della BBC Radiophonic Workshop, Delia Derbyshire e David Vorhaus al contrabasso classico (e partner romantico di Derbyshire) registrarono due sole tracce con l'intenzione di produrre un singolo, ma la Island Records di Chris Blackwell convinse questi due cervelloni a produrre un intero album, ricco di elettronica sperimentale nel Kaleidophon Studio, messo su in un appartamento a Camden Town. An Electric Storm è pura musica psych-pop, piena di trucchi in studio e giochi di prestigio. Allegre costruzioni pop sono interrotte da raffiche di interferenze, strani rumori metallici industriali e tutto sembra disintegrarsi da li a poco del tutto e senza preavviso.
Un breve estratto del brano "The Black Mass: An Electric Storm in Hell" può essere ascoltato in Dracula AD 1972, pellicola della Hammer Film Productions.




SILVER APPLES
Silver Apples
(Kapp, 1968) 

Silver Apples, gruppo di musica elettronica psychedelica americana di New York, era composta da Simeon ( Simeon Oliver Coxe III), e dal batterista Danny Taylorche. Simeon si esibiva su un sintetizzatore primitivo di sua invenzione (chiamato anche La Simeone), un impianto gigantesco che rendeva ridicolo tutto l'apparato di tastiere di Rick Wakeman, che manovrava con mani, piedi e gomiti. Simeone inventò un sistema di chiavi telegrafiche e pedali per controllare le tonalità e i cambiamenti d'accordi , e secondo le sue dichiarazioni, non imparò mai a suonare il pianoforte e i sintetizzatorile in stile tradizionale.
Fu uno dei primi gruppi a ricorrere ampiamente a tecniche di musica elettronica all'interno di un idioma rock, e il loro stile minimalista, con il suo pulsare, ha anticipato non solo la musica elettronica sperimentale e krautrock degli anni 1970, ma anche la musica dance underground e l'indie rock degli anni 90. Registrato in uno studio a quattro tracce, l'album di debutto della band è una splendida collezione di scanalature elettroniche traballanti e suoni ipnotici. Senza di loro, gruppi come i Suicide non sarebbero potuti esistere.




BEAVER & KRAUSE
The Nonesuch Guide To Electronic Music
(Nonesuch, 1968)

Se c'è qualche disco che è stato indicatore del futuro questo è The Nonesuch Guide To Electronic Music: un manuale audio per il Moog e il tentativo di testare e documentare le sue varie funzioni, che in qualche modo, e furtivamente, rimase nella Top 100 di Billboard per 26 settimane.
Da adolescente, Bernie Krause era un turnista della chitarra, che lavorava nelle sessioni di registrazione della Motown. Paul Beaver, era uno dei primi sostenitori dei sintetizzatori e del moog e compositore di colonne sonore. Eccentrico, membro di Scientology, suonò su dischi dei Monkees e dei Byrds, e fece conoscere il Moog, che non aveva un manuale, oltre al grande pubblico, ai Doors che lo usarono abbondandemente in Strange Days . Esplorando i limiti e le capacità degli strumenti, The Nonesuch Guide To Electronic Music contiene 68 brevi brani su quattro lati.
Prima della morte di Beaver nel 1974, la coppia ha pubblicato una serie di album per la Warner - mentre Krause, sulle orme di Chris Watson dei Cabaret Voltaire, si dedica ora ai suoni del mondo naturale.




OTTO LUENING & VLADIMIR USSACHEVSKY
Tape Recorder Music
(Gene Bruck Enterprises Inc., 1955)

La maggiore etichetta di musica elettronica americana è stata la Columbia-Princeton Electronic Music Centre. Fondata dai compositori Milton Babbitt, Vladimir Ussachevsky e Otto Luening a Manhattan, il suoi studio era il più grande in tutto il mondo - dedicato esclusivamente alle potenzialità della musica generata elettronicamente, con il sintetizzatore Brobdingnagian RCA Mark II come suo gioiello centrale.
1951 - Otto Luening e Vladimir Ussachevsky furono tra i primi a usare un registratore a nastro per alterare suoni concreti e ottenere nuove soluzioni timbriche sovrapposte a vari strati altri sonori, con un incantevole sensibilità melodica: il pulsare dei toni del flauto di 'Fantasy In Space' ha ancora un suono sbalorditivo, come sbalorditivo è che questa musica abbia più di 60 anni; la label Sub - Finders Keepers Cacaphonic ha ristampato con cura e stile tipico del periodo.




ATTILIO MINEO
Man In Space With Sound
(World’s Fair Record, 1962)


Molte pietre miliari della musica elettronica si sono svolte in occasione di fiere tecnologiche - il genere di luoghi in cui curiosi potevano strabuzzare gli occhi davanti alle invenzioni più bizzarre. Il Novachord fu stato presentato alla Fiera mondiale di New York nel 1924; mentre alla Fiera di Bruxelles nel 1958 Edgard Varèse presentò 'Poème Électronique' al mondo.
Man In Space With Sound di Mineo fu progettato appositamente per la Fiera di Seattle nel 1962, dove fu usato come colonna sonora per il Bubbleator, un ascensore idraulico colossale a forma di bolla, racchiuso in pareti in vetro acrilico trasparente. Una volta dentro, lsi aveva l'impressione di vedere il mondo attraverso una lente color arcobaleno. Venduto come ricordo della mostra, Man In Space With Sound è un meraviglioso documento futurista del 1960, con suoni spettrali e spaziali di violini e apparecchiature elettroniche, con doppiaggi informativi che precedono ogni brano musicale.



MORTON SUBOTNICK
Silver Apples of the Moon
(Nonesuch, 1967)


Morton Subotnick, come Terry Riley, Pauline Oliveros, Steve Reich e altri, partecipò al Oakland Mills College - essenzialmente una scuola di perfezionamento per musicisti d'avanguardia del 20 ° secolo.
Subotnick ha lavorato con una vasta gamma di supporti, mettendo su eventi teatrali coinvolgenti e giochi di luce nei club di San Francisco.
Silver Apples of the Moon è un lavoro significativo - il primo lavoro di musica elettronica commissionato direttamente da una major ed venerato tra i guru del synth per contenere i semi della musica techno. Scritto in 13 mesi, e registrato nel 1966-7 a NYU su un portatile Buchla 100 synth - uno strumento che Subotnick e la Tape Music Center avevano contribuito a sviluppare e che sembrava più una centrale telefonica in miniatura che uno strumento, il che può spiegare perché non si è mai davvero sviluppato. Silver Apples of the Moon è anche essenzialmente' una composizione classica in 2 parti: la prima è più lenta, moodier e piena di sospiri profondi , sintetici, come se un robot fosse in disperazione; nella seconda , accade qualcosa di straordinario - la musica si sviluppa improvvisamente con impulsi e culmina nel martellamento frenetico di ritmi proto-club.Semplicemente cose mai sentite prima di allora.





TOD DOCKSTADER
Quatermass
(Owl Recordings, 1966)

Molti degli artisti presentati ruotavano intorno a hub accademici o laboratori tecnici; Dockstader era invece un lupo solitario. Nativo del Minnesota iniziò la sua produzione audio per film di animazione ( Gerald McBoing-Boing), per poi riciclarsi come tecnico del suono e specialista degli effetti sonori negli studi della Gotham Recording, e iniziando a comporre su nastri magnetici. Dockstader ha prodotto nel 1960 dischi di "suono organizzato": l'elettronico Apocalypse (Owl, 1966), che adopera alcuni test di generatori di onde sismiche ("oscillatori"), Drone/Water Music (Owl, 1966) e il concept noise astratto di Quatermass (Owl, 1966 - Starkland, 1993). La sua opera migliore, è proprio Quatermass, pubblicato su Owl Records. Suddiviso in cinque parti, la composizione fu progettato da Dockstader per essere "densa, massiccia, anche pericolosa." Inizia con i suoni di alcuni gong rimbombanti e quello diun balletto meccanico sostenuto da riverberi dub e distosioni, mentre il "finale" (Second Song) è caratterizzato dagli assordanti ed espressionistici quattordici minuti in crescendo di droni colmi di paura che rievocano degli urli. La fonte principale di tali suoni era, in effetti, un aerostato (che spiega la loro somiglianza con i timbri delle dance).


JOHN CAGE & DAVID TUDOR
Indeterminacy: New Aspect Of Form In Instrumental And Electronic Music
(Folkways, 1959)

John Cage e David Tudor sono due figure gigantesche nello sviluppo della musica elettronica. Le loro collaborazioni sono innumerevoli, e Indeterminacy - registrato e pubblicato su Folkways nel 1959 - è uno dei più iconici.La performance vede Cage con 90 pezzi assemblati casualmente, ognuno della durata di un minuto, mentre Tudor armeggia con pianoforte e nastri in una stanza separata. Nessuno dei due può sentire l'altro, la creazione della performance è aleatoria, in cui i due artisti diventano collaboratori inconsapevoli. Corrispondenze o momenti di disaccordo sono del tutto accidentale. Questo disco entra nel nostro ambito a causa delle manipolazioni di Tudor, e i risultati sono una splendida collisione tra uomo e macchina, l'organizzazione e la casualità.

FOLKE RABE Was??
(WERGO, 1970) [rec. 1967] 

Parlando con The Wire nel 2001, il compositore svedese Folke Rabe ha ricordato ai lettori che la musica minimale potrebbe essere "un'esperienza enormemente sensuale", e che suona vera in Was ?? - Un album sintetizzato che ti fa sentire come se stessi sprofondando nelle sabbie mobili.
Rabe era un collaboratore di alcune delle figure più importanti del periodo, tra cui Terry Riley, Pauline Oliveros e La Monte Young. Registrato presso gli studi della radio svedese a Stoccolma nel 1967, Was ?? è costruito da suoni armonici stratificati, in gran parte costituiti da toni generati elettronicamente. Rabe ha descritto il suo metodo come un tentativo di "sentire dentro" i suoni, tanto quanto un fisioterapista può consigliare un paziente rigido di respirare in un muscolo intrattabile. Allo stesso modo, Was?? incoraggia l'ascoltatore a diventare attenti ai cambiamenti infinitesimali in campo; quando si ascolta attentamente, questi suoni tranquilli diventano ad alto contenuto di drammaticità.




THE WOZARD OF IZ
An Electronic Odyssey
(A&M, 1968)

Turnista e arrangiatore, noto nel 1950 come il tizio del moog della West Coast (ha collaborato con maestri come Cliff Richard) Mort Garson era un altro emigrato classico arrivato all'elettronica. Il suo grandioso successo è del 1967, The Zodiac: suoni cosmici, un importante uscita per la serie il Moog- incontra-il rock per l' Elektra, con il contributo di Paul Beaver. L'album è una suite concettuale incentrato su i 12 segni astrologici che, tra rock psichedelico e alcuni validi intermezzi elettronici.
Più divertente, però, è An Electronic Odyssey, dell'anno successivo- una rivisitazione "high-camp" del Mago di Oz, una sua versione distorta, sovraccarico di angoscia hippie, ricorsi politici, allegorie sulle droghe e umorismo: Dorothy si presenta come un pacifista in viaggio attraverso il mondo in technicolor della controcultura degi anni '60. Strati di effetti sonori e melodie generate dai synth, accreditati come Wozard Of Iz, An Electronic Odyssey è uno degli album più strani che davvero mi sia capitato tra le mani..