01/07/15

Mito di ascoltatori e critici esigenti? Capolavori e flop del secondo album

Sapete come va: una band o un musicista pubblica uno primo album stellare, riceve recensioni lodevoli e di successo. Poi torna in studio di registrazione e il secondo album è una delusione, non è quello che ci si aspettava dopo l'esplosione del debutto. E' solo un mito alimentato da ascoltatori e critici esigenti, come noi, una tendenza degli artisti non all'altezza delle nostre aspettative? Quello che segue è un elenco di secondi album riusciti e alcuni meno, l' indicazione che molti gruppi sono stati in grado di evitare il crollo alla seconda prova, e che in alcuni casi, si è rivelata la migliore della loro carriera.
Altri invece hanno deluso, prospettando addirittura un declino che poi si è rivelato definitivo. Di alcuni second-album capolavori abbiamo parlato in post precedenti, come Power, Corruption And Lies dei New Order, o This Year’s Model di Elvis Costello...Questi sono alcuni che mi balenano per la testa in questo periodo.


+ De La Soul Is Dead, De La Soul 
Dopo il successo monumentale di 3 Feet High and Rising, il secondo album dei De La Soul era da tutti destinato alla delusione, comprensibile tanto erano le aspettative assurde da parte della critica e dei fan. Troppo bello, innovativo, originale il primo, su cui avrebbero potuto vivere di rendita per un bel pò. Invece, questi tre tizi di Long Island etichettati nell'ambito hippy hip-hop come poco più che bizzarri, e che avevano causato una grande spaccatura nel movimento con i loro ideali di pace e di amore, pubblicano De La Soul is Dead, un album rap provocatorio e di grande effetto. Musicalmente scanzonato, la sua miscela di soul ottimista, gli strumentali lussureggianti, è sempre contagioso e altrettanto stridente, ancora eccentrico e altrettanto divertente. Gli hippies abbandonato la loro pace: l'album è pieno di rime roventi contro la violenza dei loro coetanei , lo sfruttamento della prostituzione, la stupidità che circonda il nuovo corso dell' hip-hop, i dirigenti dell'industria del disco, i fan che vogliono sentir parlare di armi, donne e droga. Decisamente più duro quindi rispetto all'album del loro debutto, De La Soul is Dead conferma che 3 Feet High and Rising non era un colpo di fortuna e riscrive le regole dello stile hip-hop, in una combinazione mozzafiato di bellezza del suono e di quella verbale.
In tour in Italia proprio in questo periodo. Il 28 Luglio a Roma, da non perdere!!




- Interpol, Antics 
E 'difficile immaginare che cosa aveva prodotto la densità e oscurità di Turn on the Bright Lights, quì recensito e super lodato: forse la reazione di una band popolare alla massiccia sovraesposizione; uno dei piaceri più duraturi del loro primo album era (è) la sua unicità senza tempo. Di conseguenza, fu ben compreso che Antics non sarebbe stato, né poteva essere Bright Lights versione 2. Antics emana un'aura di pesantezza, ma allo stesso modo, si distingue come una forte raccolta di singoli, riscoprendo le tendenze pop della band e l'eloquenza lirica, piuttosto che come un album perfettamente coeso.
Dove Interpol era sinonimo di desolazione emotiva, ora qui è un clima di rassegnazione struggente. Forse non si poteva pretendere di superare i loro precedenti, (e il crollo sarebbe sopraggiunto con il terzo lavoro) Antic è stato comunque un successo commerciale e rappresenta una seconda fase comunque soddisfacente.


+ The Low End Theory, A Tribe Called Quest
Una prodezza lirica e della produzione, The Low End Theory dei A Tribe Called Quest è un infuso di elementi di jazz in un album hip hop, e stabilisce un collegamento tra la cultura afro-americana da un estremità all'altra.nel 1990, a fianco dei ceppi di Madchester, le strade risuonavano a suon di "Posso Kick It? e “I Left My Wallet In El Segundo”. Lo stile rilassato e l'intelligenza musicale sostituiscono pistole, sesso e sangue di cui vantarsi, e quasi da soli, (con i De LaSoul) hanno definito la scena rap alternativa, pubblicato un album quasi perfetto. L' umorismo e l'acume mostrarono al mondo che 'rap' non doveva essere identificata con gli aspetti peggiori del sogno americano.
Acclamato da Rolling Stone come uno dei migliori 100 album di tutti i tempi , The Low End Theory rimane uno dei momenti decisivi dell'hip hop e credetemi, merita di essere nella collezione di dischi di tutti.




+ Nevermind, Nirvana
La quintessenza del secondo album-capolavoro! E l'argomento più impressionante a discapito dell'idea e della certezza che il secondo album di una band non può superare gli standard dell'esordio. Nevermind ha cambiato le carte da gioco per tutti i motivi già si conoscono. Nevermind è stato e rimane un oggetto irripetibile. Mantiene lo status innovativo e allegro del primo album mentre ci anticipa la desolazione del terzo. Ha cambiato la vita di un sacco di persone che ora si avvicinano pericolosamente alla mezza età..


+ Public Enemy, 1988, It Takes A Nation Of Millions To Hold Us Back
Prima che il gangsta rap prendesse il sopravvento e l'egemonia, l'hip-hop era una chiesa vasta , con un debole per il funk e i giochi di parole intelligenti.Il secondo lavoro dei Public Enemy è un capolavoro di agit-rap e album di svolta. "Bring the Noise", "Rebel Without a Pause", "Do not Believe the Hype", fanno di It Takes A Nation Of Millions To Hold Us Back un album forte, odioso, funky, avant-garde, politico, senza compromessi e divertente allo stesso tempo. La produzione dei maghi della Bomb Squad sfornano campionamenti selvatici e innovazioni veloci e furiose, e così anche i flussi delle "rime animalesche dell'insostenibile" Chuck D, che allo stesso modo inveisce contro il razzismo e la cattiva televisione..


+ The Stooges, Fun House
E 'questo il disco da cui proviene tutto il punk rock. I riff e i groove di Fun House zoommano con aggressività tesa, con un sax occasionale che sfreccia come un motociclista pazzo nelle ore di punta tra le corsie delle autostrade. E Iggy Pop, frontman unico e selvaggio, consente di sfruttare tutta la forza della musica per le nostre fantasie di dominio. Insegue con un ululati selvaggi noi ascoltatori come delle vittime, si arrampica lungo il bordo della musica, e poi ci accarezza con un mormorio gommoso, insegnandoci i piaceri sottili dell'essere il topo stordito dopo essere stato sbattuto tra le zampe di un gatto.




+ TV on the Radio, Return To Cookie Mountain
Acclamati, premiati e adulati da David Bowie, Tv on the Radio sembravano relegati nello spazio di quei gruppi che si ammirano, piuttosto che tra quelli che piacciono veramente. Troppa carne al fuoco che può disorientare non poco, questo era stato Desperate Youth, Blood-Thirsty Babes, debutto della band di Brooklyn.
Return to Cookie Mountain, seconda prova è un gran disco. Loop, qualche ripetizioni, e un po 'di caos, un album sperimentale, suoni nuovi ma con un cuore pop. Il gruppo sembra assestare tutte le idee e le influenze. Tunde Adebimpe ha una voce fantastica, che declama di tiranni, drogati, di amanti, di arroganti e di perdenti. Anche se non è forte dall'inizio alla fine, è un disco che in gran parte è una delizia.


- Arcade Fire, Neon Bible
Non è certo un album brutto. Ma decisamente è piaciuto molto meno di Funeral. Anche quì l'influenza di Bowie è evidente, soprattutto in "Black Mirror" e "Black Wave/Bad Vibrations. Neon Bible è un disco aggressivo, gotico, e tetro, un lamento contro i mali del mondo ma manca della magnificenza musicale di Funeral


- Franz Ferdinand, You Could Have It So Much Better
Quello che sembrava sorprendente con il primo album sembra banale con You Could Have It So Much Better. Manca di passione, del sudore tipico dell'rock'n'roll. I riferimenti alla droga affiorano ovunque - la cocaina su 'This Boy', l'MDMA su '‘What You Meant’', l'eroina su '‘The Fallen’', il Valium su 'The Outsiders', e la codeina in 'Well That Was Easy' - il che suggerisce solo che il pianeta Franz non era poi pulito come potevamo pensare con il primo disco. Anche questo non una prova da buttare, ma un passo falso nelle aspettative, fiacco, che porterà il loro terzo album ad un ulteriore calo di qualità.